Articoli marcati con tag ‘mulini a vento’

Come funziona un mulino a vento da polder

mercoledì, 11 ottobre 2017

Come funziona un mulino a vento da polder

Leggi il resto di questo articolo »

Il Museum-molen Schermer. La storia

lunedì, 9 ottobre 2017

Il Museum-molen Scherme

Sullo scorcio del secolo XV nella provincia Noord-Holland iniziavano i lavori per il prosciugamento dei tanti laghi, che sempre di più costituivano una minaccia per la terra intorno di essi. Nel 1596 emergevano i polder Zijpe e Hazepolder. Nel 1615 tovvaca a Wieringerwaard ed al Beemster.
Seguivano il Purmer nel 1620 e Huigenwaard nel 1627. Lo Schermer era l’ultimo della serie. La bonifica era stata già deliberata nel 1631, ma solo nel 1634 si dava l’effettivo avvio ai lavori. Fu un’impresa veramente audace in quanto il lago Schermeer con la sua superficie di 4670 ed una profondità di 4 metri era un lago esteso e pericoloso. Leggi il resto di questo articolo »

Il Museum-molen Schermer. Sotto il livello del mare, all’altezza del mondo

venerdì, 6 ottobre 2017

Il Museum-molen Scherme

Dopo aver effettuato il ceck-in al Laag Holland Bed and Breakfast di Purmerend, ci siamo recati subito presso il Museummolen di Schermerhorn.
Dei 52 mulini ad acqua di una volta, ne sono rimasti 11. Tre, posti in fila, dello Schermerhorn tra cui quello del museo, funzionante ed ora accessibile al pubblico, per dare un’idea di come per tre secoli si è effettuato il pompaggio a vento. Leggi il resto di questo articolo »

L’Olanda in 5 giorni: Il diario viaggi della nostra vacanza

lunedì, 2 ottobre 2017

L'Olanda in 5 giorni in Agosto 2017. L'itinerario

In occasione del decimo compleanno di BlogOlanda eccomi ritornare in missione per l’Ente Nazionale Olandese in Italia, alla riscoperta, anzi alla scoperta di luoghi meravigliosi per lo più sconosciuti al turista italiano.

Un viaggio, diverso dal solito, attraverso il quale abbiamo visitato zone che non hanno interessato l’itinerario turistico che, generalmente, siamo abituati ad ammirare dell’Olanda, soprattutto le prime volte che si sceglie quale meta i Paesi Bassi. Per assaporare, in tutto e per tutto, la vera e tipica atmosfera olandese, quella che si respira vivendo da vicino, in prima persona, in contatto intimo con i paesini caratteristici, palpare il vero territorio, e avere, nel contempo, la totale libertà di movimento, la mia famiglia (moglie e figlia di 13 anni) ed io abbiamo deciso di percorrere 18 tappe (14 se si escludono le strutture ricettive) in 5 giorni, dal l5 al 20 Agosto 2017, con un Auto a noleggio, dopo l’arrivo in Aereo. Non si tratta di un tour de force (anzi, con inizio alle 9.30, vi è anche il tempo di fare delle soste per godere appieno il soggiorno e fruire, senza corri e fuggi, di tutte le attrazioni) come ad un primo approccio potrebbe sembrare dato che la distanza tra una meta e l’altra, ad eccezione di due (di massimo 1 ora ciascuna), richiede, in media, appena 20 minuti di percorrenza. Leggi il resto di questo articolo »

La Giornata nazionale dei Mulini a Vento 2017

venerdì, 5 maggio 2017

kinderdijk mulini a vento

Nell’ambito dell’Anno Nazionale, a maggio si celebra in Olanda la giornata nazionale dei Mulini a Vento.

Nel corso di questo grande evento, ben 600 mulini hanno tenuto le loro pale posizionate al centro.
La posizione delle pale ha un significato da riscoprire nel passato quando veniva utilizzato questo sistema per segnalare dei messaggi alla popolazione che viveva nei vicini villaggi.

Con la ‘posizione di arrivo‘, ossia quella in cui le pale si fermavano prima del raggiungimento del punto più alto, il mugnaio avvisava di un avvenimento lieto. Con la ‘posizione andante, quella in cui si fermavano verticalmente passando per lo stesso punto, avvertiva invece di un brutto evento.

Nel corso del secondo conflitto mondiale, le pale dei mulini venivano utilizzate in caso di allarme per inviare dei messaggi cifrati come quello di imminenti retate.

Oggi in Olanda molti Mulini a Vento vengono ancora utilizzati come quelli di Zaanse Schans che ancora perfettamente funzionanti sono impiegati come segherie, nell’uso di frantoi, per la produzione di mostarda e per la macina dei minerali usati da utilizzare per i colori e le vernici. Altri sono stati persino ricostruiti per far rivivere le usanze e la cultura di un tempo.

In questo giorno tutti gli otto mulini a vento di Amsterdam per l’occasione saranno decorati e aperti al pubblico quando normalmente è possibile visitarne solo due. Verrà anche ricreato il vecchio villaggio ed il museo all’aperto nello Zanstreek ubicato a nord della capitale olandese.

La Giornata nazionale dei Mulini a Vento 2016

venerdì, 13 maggio 2016

kinderdijk mulini a vento

Nell’ambito dell’Anno Nazionale, a maggio si celebra in Olanda la giornata nazionale dei Mulini a Vento.

Leggi il resto di questo articolo »

La Giornata nazionale dei Mulini a Vento 2015

venerdì, 8 maggio 2015

kinderdijk mulini a vento

Nell’ambito dell’Anno Nazionale, a maggio si celebra in Olanda la giornata nazionale dei Mulini a Vento.

Leggi il resto di questo articolo »

Olanda, i mulini a vento

mercoledì, 25 marzo 2015

Mulino a Vento acqua

I primi mulini a vento risalgono all’antichità, ma furono gli olandesi i primi ad utilizzarli su vasta scala. In un paese piatto, in cui il vento è costante, i mulini a vento si diffusero come funghi. Venivano utilizzati per macinare, segare, pompare e pressare. La produzione di assi di legno, vernici, olio, carta, pane e senape, tra gli altri, dipendeva dal vento e dai mulini. Inoltre, i mulini a vento erano anche utilizzati per pompare l’acqua dai laghi e bonificare le terre. Leggi il resto di questo articolo »

Olanda. La Giornata nazionale dei Mulini a Vento 2014

venerdì, 9 maggio 2014

kinderdijk mulini a vento

Nell’ambito dell’Anno Nazionale dei Mulini a Vento, il 10 maggio 2014 si celebra in Olanda la giornata nazionale.

Nel corso di questo grande evento, ben 600 mulini hanno tenuto le loro pale posizionate al centro.
La posizione delle pale ha un significato da riscoprire nel passato quando veniva utilizzato questo sistema per segnalare dei messaggi alla popolazione che viveva nei vicini villaggi.
Con la ‘posizione di arrivo‘, ossia quella in cui le pale si fermavano prima del raggiungimento del punto più alto, il mugnaio avvisava di un avvenimento lieto. Con la ‘posizione andante, quella in cui si fermavano verticalmente passando per lo stesso punto, avvertiva invece di un brutto evento.
Nel corso del secondo conflitto mondiale, le pale dei mulini venivano utilizzate in caso di allarme per inviare dei messaggi cifrati come quello di imminenti retate.

Oggi in Olanda molti Mulini a Vento vengono ancora utilizzati come quelli di Zaanse Schans che ancora perfettamente funzionanti sono impiegati come segherie, nell’uso di frantoi, per la produzione di mostarda e per la macina dei minerali usati da utilizzare per i colori e le vernici. Altri sono stati persino ricostruiti per far rivivere le usanze e la cultura di un tempo.

In questo giorno tutti gli otto mulini a vento di Amsterdam per l’occasione saranno decorati e aperti al pubblico quando normalmente è possibile visitarne solo due. Verrà anche ricreato il vecchio villaggio ed il museo all’aperto nello Zanstreek ubicato a nord della capitale olandese.

Il mulino a vento De Eendracht a Anjum

venerdì, 5 luglio 2013

Il mulino a vento De Eendracht a Anjum

Il museo ‘De Eendracht’ si trova all’interno di una costruzione di sei piani. Al pian terreno ha sede l’ufficio turismo locale, al primo piano potete trovare dei mulini in miniatura. Ma quello che si può ammirare sono un motore restaurato del XX° secolo, le parti che lo componevano, con spiegazione del loro funzionamento. Sono infatti ben evidenti le ruote dentate in legno e gli ingranaggi del meccanismo. Completano il giro delle mostre fotografiche con riproduzioni degli antichi mulini della Frisia e del Dongeradeel. Sono inoltre esposti gli utensili di falegnameria utilizzati per il lavoro del mugnaio. Il mulino risale al 1889, tutti e sei i sottotetti sono accessibili, con mostre temporanee di pittura e una permanente di conchiglie di ogni tipo, ma anche collane e cimeli realizzata da cooperative locali. Dall’ultimo piano si ha una vista del Lauwersmeer, più giù si possono ammirare dall’esterno e da vicino le pale e il panorama cittadino. Una mappa indica tutti i mulini della zona con foto panoramiche dettagliate per ciascuno.
Bello da vedere… Leggi il resto di questo articolo »


SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline