Rotterdam una dinamica metropoli che sorge direttamente sull’acqua

Rotterdam

La seconda città olandese ha oltre 600.000 abitanti. A differenza di Amsterdam e di altre città olandesi importanti che hanno comunque conservato il loro aspetto storico e caratteristico, a Rotterdam si vive un’atmosfera industriale di città ultramoderna per i grattacieli e centri commerciali con pochi edifici antichi rimasti ancora intatti (tre per l’esattezza sono quelli originali ancora in piedi) o recuperati e restituiti al pubblico da poco tempo. Il porto è il più grande in europa, terzo al mondo (dopo Shanghai e Singapore) per attività, una città in continua espansione e ricostruzione con lavori in corso ovunque.
Rotterdam è conosciuta nei Paesi Bassi e all’estero come una città di grande architettura, con molti esempi di costruzione innovativi, la città dei grattacieli. Ben dodici dei venti edifici più alti in Olanda si trovano qui e tra questi c’è quello che ha oltre 100 anni. Nel 1897 fu infatti il primo grattacielo ad essere costruito in Europa (44 metri) e ancora oggi qui si trova la costruzione più alta (la Torre Maas o Maastoren con i suoi 165 metri).

Una città icona dell’architettura moderna, culturale, aperta, cosmopolita e piena di vita per le strade, in parte per effetto del gran numero di studenti che vivono qui, ma Rotterdam è conosciuta soprattutto come la capitale dell’architettura dei Paesi Bassi con il maggior numero di costruzioni. Edifici come la fabbrica Van Nelle, la Sonneveld House e Kiefhoek sono esempi di scienza innovativa del periodo antecedente la guerra. Negli anni 80 e 90 l’architettura prese piede con l’arrivo delle case cubo di Piet Blom, la Pinacoteca di Rem Koolhaas e con l’istituzione del Netherlands Architecture Institute.

Con grande coraggio dagli anni Novanta, Rotterdam ha cominciato a trasformare le aree del vecchio porto in nuovi ambienti residenziali e di lavoro con la costruzione del ponte Erasmus nel 1996. Il primo docklands fu il Southbank.

Oltre a edifici storici come Las Palmas (ora sede del Nederlands Fotomuseum), l’Entrepotgebouw e il Cruise Terminal, vi sono anche maestosi palazzi di nuova costruzione. Le principali attrazioni sul molo sono il World Port Center, opera dell’architetto Sir Norman Foster, l’edificio Montevideo di Francine Houben, il nuovo Luxor Theater e la Maastoren.
Il palazzo New Orleans, alto 158 metri e progettato dall’architetto portoghese Álvaro Siza, che ospita al pianterreno la sala concerti e il cinema d’essai LantarenVenster.

Nelle zone di terra ferma quasi in continuo contattato con l’acqua è interessante notare un grande numero di imbarcazioni di ogni tipo e gru giganti. E’ questo lo scenario che ci siamo trovati nelle vicinanze dell’Inntel Hotel dove abbiamo anche trovato, con nostra grande sorpresa, come a Hollywood, delle impronte cementate sul pavimento di cantanti, attori, personaggi famosi e meno noti, olandesi e planetari, ma anche italiani.. c’era ad esempio Laura Pausini.

Parlando con un abitante che vive da diverso tempo in città, mi raccontava che fino ad una decina di anni fa, per fruire a Rotterdam anche dei servizi essenziali si era costretti ad andare altrove, nelle vicinanze. Questo a dimostrazione del fatto che dopo la distruzione di gran parte del territorio durante il secondo conflitto mondiale, gli olandesi hanno dovuto poco per volta ricostruire tutto. Se sono riusciti a fare quello che è oggi la città e che continua ad esserlo nel tempo, si può parlare di loro come un popolo di grande energia, forza d’animo e dedizione.

Nella zona dell’ex quartiere a luci rosse abbiamo trovato un vecchio magazzino trasformato in una grande sala da pranzo e centro di intrattenimento. Ora è adibito ai migliori 10 ristoranti localizzati tutti nello stesso tetto di vetro che condividono il medesimo spazio, ciascuno con una propria e diversa specialità. Rosso Restaurant è tra i migliori. Se siete alla ricerca di un posto per rilassarsi e mangiare, ballare, scoprire o godere di nuove attrazioni culturali, approfittate dei suoi servizi. E’ inoltre il posto ideale per ricevimenti, seminari, cocktail, o qualsiasi altra cosa si possa immaginare. Si tratta del Westelijk Handelsterrein Rotterdam nel Scheepvaart Kwartier dove si trovano anche il Rokkaa.nl, il Restaurants Maak e il Jazzclubbiblio. Al biblio, sembrava di trovarsi in uno dei rinomati bar italiani, quelli in cui si ricevono tutte le attenzioni del caso, infatti abbiamo assaggiato del caffè servito con panna e torroncino molto saporito.. qui è possibile gustare anche il famoso liquore al caffè.

Per ulteriori informazioni consultate Rotterdam.info e Holland.com.

Rotterdam

Rotterdam Cupole bianche

Rotterda Impronta

Rotterdam Quadro

Rotterdam Centro Commerciale Rosso

Slide Show.

Tag: ,

4 Commenti a “Rotterdam una dinamica metropoli che sorge direttamente sull’acqua”

  1. Francesco GuidOlanda Scrive:

    Da un ottimo articolo di Michela Simoncini: Cosa e dove mangiare a Rotterdam

  2. michela simoncini Scrive:

    grazie Francesco :) mi sa che a te piacciono di più le città meno moderne, o sbaglio? :)

  3. Francesco GuidOlanda Scrive:

    Esatto.. sono rimasto davvero affascinato.. e dall’hotel dove ho dormito ho potuto fruire di un panorama davvero incredibile :)

  4. Madurodam, ogni più piccolo angolo dell’Olanda lo trovate qui | BlogOlanda Scrive:

    […] Ponte Erasmus a Rotterdam […]

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline