In onore e ricordo di Pim Fortuyn

Maria Cristina Giongo che intervista l'amico di Pim Fortuyn

Qualcosa nel 2002 cambiò in Olanda.. fu qualcosa che cambio drasticamente l’atteggiamento di tolleranza di molti olandesi verso gli immigrati ai quali da sempre, nei secoli passati, avevano offerto disponibilità e ospitalità.. Cosa avvenne, lo potete leggere nel seguito, nell’articolo che Maria Cristina Giongo, in esclusiva ha voluto gentilmente fornire a BlogOlanda e a tutti i suoi lettori.. Grazie infinte Cristina..

Pim Fortuyn, sociologo e politico olandese, sentiva che sarebbe morto per le sue idee; quelle idee di libertà che nonostante le minacce che riceveva era deciso a portare avanti. E infatti le portò avanti con coraggio sino al momento in cui venne assassinato, il 6 maggio 2002, da Volkert van der Graf che gli sparò più colpi di pistola all’uscita da un programma televisivo dove aveva appena partecipato come ospite.

L’ultima pallottola lo raggiunse alla testa; gliela sparò da vicino, a sangue freddo. 15 giorni dopo erano previste le elezioni politiche a cui Pim Fortuyn, di destra, si doveva presentare con il suo partito, l’ LPF ( Lista Pim Fortuyn).
L’ho ucciso perchè “rappresentava un pericolo per la vita sociale“, dichiarò Van Der Graf ( condannato a 18 anni di prigione), ” a causa delle sua lotta contro gli extracomunitari e i musulmani“. Però all’inizio disse che lo aveva ucciso perchè lui era un convinto animalista e Pim non si occupava abbastanza dei problemi ambientali legati agli animali e alla natura.

Ora Pim riposa in pace nel cimitero della sua tanto amata Italia, a Provesano, dove aveva acquistato una casa e dove tutti gli volevano bene. Soprattutto il suo migliore amico, Bruno Ambrosio, che raccolse tante sue confidenze e preoccupazioni per la sorte del suo Paese, l’Olanda.
Ricordo le lunghe passeggiate insieme, la sua sincerità e cultura, ma anche la sua semplicità“, ha detto il signor Ambrosio, durante una recente intervista che gli ho fatto a Rotterdam, “gli ultimi tempi mi parlava spesso delle terribili minacce e intimidazioni a cui era sottoposto; e del timore di non riuscire a portare avanti la missione che si era prefisso: per….un Olanda più vivibile. Promisi a lui e a me stesso che avrei portato avanti il suo discorso se gli fosse accaduto qualcosa.

Infatti Bruno Ambrosio ha fondato un’associazione in suo onore e memoria, l’Associazione Pim Fortuyn, dove si possono trovare notizie su di lui e anche ordinare i suoi libri tradotti in italiano, molto interessanti e sicuramente da leggere se si vuole conoscere la complessa situazione politica olandese anche nei confronti dell’Islam. La sua bravissima segretaria, Emanuela, ci ha raccontato che quando apprese la notizia della morte del suo grande amico Bruno rimase talmente addolorato e scioccato, che non parlò per giorni e giorni, quasi sentendosi responsabile per non aver potuto fare niente per evitare questo dramma. Vi segnaliamo un video commovente, con spezzoni inerenti anche il suo funerale.

In occasione dell’anniversario della sua morte si svolgeranno parecchie iniziative a Provesano. Ecco il programma completo per chi volesse parteciparvi sia dall’ Olanda che dall’Italia:

giovedì 6 maggio 2010 ore 17.30
incontro in cimitero per rendere omaggio alla salma di Fortuyn (per l’ottavo anniversario della sua morte)

sabato 8 maggio 2010 ore 17.00
incontro in cimitero per coloro che non potranno parteciparvi il 6 maggio. Sarà presente anche il Parroco del paese a dare una benedizione alla salma di Fortuyn

sabato 8 maggio 2010 ore 17.30 circa
incontro presso la sede dell’associazione, per un tavolo comune sui vari temi che Fortuyn ha sempre trattato: politica, omosessualità ed islamismo

– a seguire rinfresco

Tra le varie personalità presenti, ci sarà una delegazione del mondo politico che effettuerà un confronto tra le varie realtà: quella italiana, quella olandese e quella europea; una delegazione del GayLib che ci aggiornerà sugli ultimi sviluppi del mondo omosessuale e non; il Presidente dell’associazione “Una Via per Oriana”, Armando Manocchia, il quale farà un intervento molto interessante sull’Islam. Moderatrice: Emanuela Zampollo.

Una curiosità: Pim Fortuyn era omosessuale; gli olandesi lo sapevano. Anche gli italiani che lo conoscevano ma non tutti. Pim Fortuyn chiedendo di essere seppellito in Italia ha rafforzato i rapporti Italia-Olanda.
Loquendi Libertatem Custodiamus era il motto di Pim Fortuyn; salvaguardiamo la libertà di parola. Non dimentichiamolo mai, qualsiasi sia la nostra fede politica e religiosa.

Articolo di Maria Cristina Giongo per Blogolanda

E’ vietata la riproduzione del testo e delle foto

Associazione Culturale ‘Pim Fortuyn
Sede associazione: via Garibaldi-Provesano
33095 San Giorgio della Richinvelda (PN)
Tel. 0039(0)427 968167
Tel. Ambrosio 333 5732211 Tel. Zampollo 347 9354052
Gli uffici sono aperti il lunedì mercoledì e venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00
Sito Web: http://www.pimfortuynfoundation.info/
Email: info@pimfortuynfoundation.it

Interverranno alla commemorazione per l’anniversario della morte del politico olandese Pim Fortuyn anche Armando Manocchia, presidente dell’ interessante Associazione ‘Una via per Oriana‘, di cui Cristina ha accennato sul quotidiano IL GIORNALE quando nell’articolo titolato “Il pericolo è la dittatura dell’islam“, ha parlato di Wilders a cui fu consegnato il premio Oriana Fallaci a Roma, il 19 Febbraio 2009

Armando Manocchia

e Alexandre Del Valle, scrittore, saggista, geopolitologo francese. (foto scattata da Cristina a Rotterdam)

Alexandre Del Valle

Segnaliamo inoltre uno dei più bei libri scritti da Pim Fortuyn e tradotto in italiano, per chi fosse interessato alla storia dell’Olanda e al suo pensiero:

 La società orfana di Pim Fortuyn - Associazione culturale Carlo Cattaneo, Pordenone

La società orfana di Pim Fortuyn – Associazione culturale Carlo Cattaneo, Pordenone

Tomba di Pim Fortuyn

Bruno Ambrosio, l'amico di Pim Fortuyn

Bruno Ambrosio Presidente dell’Associazione Pim Fortuyn, grande suo amico

Pim Fortuyn

Tag: , , , , ,

78 Commenti a “In onore e ricordo di Pim Fortuyn”

  1. Cristina Scrive:

    Grazie a te, Francesco, di aver pubblicato questo articolo su un uomo che, al di là delle idee politiche di ciascuno di noi, era una persona integra e di grande cultura. Queste sono pagine di storia che un blog come il tuo, imperniato sull’Olanda, non poteva ignorare.

    Spero che molte persone si rechino a Provesano, alla commemorazione in suo ricordo, che Emanuela Zampollo ha cercato di organizzare con tanta fatica e dedizione, per una causa superiore.

    E grazie a chi ha raccolto la sua eredità di uomo, al suo amico Bruno Ambrosio, a sua moglie e a tutti gli olandesi che lo hanno amato. Guardate il video segnalato; anche questo è un “pezzo” di storia e di cultura. Commovente.

    Un grazie anche ad Armando Manocchia, presidente dell’ Associazione Una via per Oriana, che mantiene viva la memoria di Oriana Fallaci, pure lei una donna “tutta d’ un pezzo”, che ha saputo lottare, come Pim Fortuyn, per i suoi ideali di giustizia e libertà.

    Insieme al geopolitologo, saggista francese Alexandre Del Valle, citato in questo articolo, sono persone che hanno rischiato e rischiano la vita per una vita sociale più giusta, libera e serena.

    Al di là, ripeto, da qualsiasi scelta politica personale.

    Maria Cristina Giongo

  2. ass.cult.PIM FORTUYN Scrive:

    GRAZIE A TUTTI PER IL VOSTRO INTERESSAMENTO E PER TUTTO QUANTO STATE FACENDO PER TENERE SEMPRE VIVA LA MEMORIA DI PIM FORTUYN.
    UN UOMO, UN SOCIOLOGO, UN POLITICO, UN OMOSESSUALE, MILLE SFACCETTATURE CHE LO HANNO RESO UNICO.
    SPERIAMO VIVAMENTE IN UN SEGNO DA PARTE DI COLORO INTERESSATI A CONOSCERE ED APPROFONDIRE LA FIGURA DI QUESTO PERSONAGGIO CONOSCIUTO AI PIù IN MANIERA POCO CORRETTA….
    ASS.CULT.PIM FORTUYN ITALY
    per info: http://www.pimfortuynfoundation.info
    email: info@pimfortuynfoundation.it

  3. ItalianiBravaGente? Scrive:

    Rimango sempre perplesso quando vedo gente che vive in Olanda o che ne scrive (come l’autore di questo blog) avere degli atteggiamenti da caccia alle streghe e a dir poco illiberali.

    Vivo ad Amsterdam da tempo e in principio anche io storcevo il naso per l’incredibile presenza di muslim in questa citta’. Vivendoci mi sono reso conto che loro sono molto piu’ olandesi di me e di molti miei connazionali che si trovano qui da tempo, sono nati e cresciuti in olanda e parlano olandese (cosa che non si puo’ dire per la maggioranza degli “immigrati” europei) e sono muslim!

    Sarebbe utile, sempre, tenere presente che l’essere mussulmano non significa essere appartenenti ad una razza, ma semplicemente appartenere ad una religione. Non condivido la visione della donna per loro e posso tranquillamente dire che non condivido assolutamente niente del loro credo MA volerli criminalizzare solo per un loro credo é follia!

    Sono brutti, sputano a terra e le loro donne hanno il volto coperto, certo, questo li rende meno attraenti e simpatici di un ebreo con i ricciolini o di una suora con la chitarra in mano ma vorrei gentilmente farvi notare che episodi di intolleranza contro GAY sono piu’ frequenti nella italianissima Roma che qui e che esistono molti piu’ preti pedofili che mussulmani, ma si sa, prendersela con i mussulmani o i “maroccans” e’ piú semplice.

    Pim Fortuyn sarebbe stato fiero dell’Italia che respinge in alto mare verso la Libia del colonnello Gheddafi centinaia di immigrati che avrebbero diritto di asilo, io sono fiero e contento di essere scappato da quell’Italia per vivere in un posto dove il colore della pelle, la religione o la lingua non siano una discriminante. La tanto decantata liberta’ olandese e’ anche questa.

  4. Cristina Scrive:

    Caccia alle streghe? No, assolutamente, caro “ItalianiBravaGente!!!!!!

    Io conosco bravissime persone, soprattutto turchi, che vivono in Olanda tranquillamente , e vi hanno anche portato molta forza lavoro.

    Condivido il suo punto di vista, quindi.

    Anche quando ho scritto altri giornali sull’Islam e l’Olanda ho parlato soltanto di integralisti e fondamentalisti islamici; di quelli che fanno attentati facendosi saltare in aria e uccidendo tanti innocenti, tanto per intenderci……

    D’altra parte la mia professione di giornalista mi impone di informare; su tutto e tutti, senza esprimere giudizi personali, di cui comunque al lettore non dovrebbe interessare niente; proprio perchè il lettore vuole solo essere informato. Poi ognuno si faccia l’idea che vuole.

    Però, come PERSONA, sono contro la violenza, la dittatura, le torture, la guerra.
    E rispetto ogni cultura e religione (pacifiche).

  5. Piero Scrive:

    In quanto Italiano mi vedo costretto a riconoscere che parte di noi,anzi la maggior parte di noi, sono razzisti e che il culto religioso è solo una scusa per inveire contro…personalmente non ho nulla contro neri…gialli…o chi che sia,ma se se ne stessero a casa loro,sono convinto che gran parte dei problemi si risolverebbero…Ogni qualvolta vado in Olanda,mi rendo conto di cosa significa la parola ” libertà di vivere “….là a nessuno frega niente di vedere un cinese… Turco…di colore… mano nella mano con una donna bianca,cinese, o chi che sia…qui da noi ti guardano male già per come ti vesti ,figuriamoci per il resto….ti guarderebbero dal basso verso l’alto.
    Diciamoci la verità,ogni qualvolta si va all’estero si trova sempre un qualcosa di meglio che a casa propria..
    Noi italiani stiamo subendo da anni una massiccia immigrazione di disperati in cerca di un lavoro ,da parte di stranieri che pur volenterosi si piegano a lavori umili e vengono sottopagati e questo “porta via ” lavoro a noi italiani e così si creano dei malumori e astio nei loro confronti…
    Per non parlare della loro cultura diversa dalla nostra e dalle loro usanze…io lavoro in un’industria alimentare e lavoro a contatto con senegalesi…marocchini e nigeriani….bravissime persone per la maggior parte di loro….peccato che nonostante abbiano a disposizione tutto quel che si vuole…spogliatoi…DOCCE COMPRESE …..LORO si ostinano a ignorarle…sia prima di iniziare il lavoro che dopo….ma se glielo fai notare,che una persona non può iniziare 8 ore di lavoro che già emana “odori NON SOPPORTABILI “….allora controbattono DANDOTI del RAZZISTA…poi li senti lamentare perchè pagano 50 Eu di luce oppure 50 Eu di …acqua .
    No gente ! io non mi sento un razzista x fargli notare quelle che sono semplici regole di educazione e civiltà…forse fra 20 anni l’Italia sarà multirazziale come l’Olanda o altri paesi che hanno subito mescolanze etniche negli ultimi 50 anni,ma per ora le cose vanno così…e poi è vero..le intolleranze razziste contro gay o per il colore della pelle ci sono più da noi che in Olanda….
    Un saluto a tutti…

  6. Maria Cristina Giongo Scrive:

    Grazie Piero per le tue parole; anch’io NON sono e non mi sento razzista…ma spesso sono fraintesa per i miei articoli che invece servono solo ad informare su una realtà che c’è.

  7. ItalianiBravaGente Scrive:

    grazie per le vostre parole. Mi hanno solo convinto, ancora una volta, che vivere da immigrato all’estero e’ meglio che vivere in questa Italia.

    Sig. Maria Cristina Giongo, lei scrive e collabora con un giornale che definire di destra e’ un complimento, quindi abbia almeno la decenza di rivendicare il suo credo politico e di non nascondersi dietro parole e concetti buonisti, forse lei non si sente razzista, ma la posso assicurare che i suoi articoli lo sono.

    Sig. Piero, si tenga ben stretta la sua Italia, mi raccomando.

    Con questo saluto questo Blog che, evidentemente, non fa per me.

    Buona vita a tutti!

  8. Piero Scrive:

    Grazie per il Signore…ma vede Sign..ItalianiBravaGent….
    in questo blog non si fa politica,ma se la cosa ti può consolare io sono di sinistra ( almeno x quel che rimane della sinistra …ehehehe)

  9. Cristina Scrive:

    ItalianiBrava Gente,

    se le può far piacere NON COLLABORO PIU’ con questo giornale che lei definisce di destra …..dopo una FEROCE lite per difendere le mie idee non uguali alle loro; ci ho lavorato sino a che sono stata libera di scrivere, ripeto, solo per informare.

    E mi spiace che non scriva più su un blog così bello come Blogolanda che, ripeto, non ha trattato argomenti di politica ma che ogni volta sceglie temi diversi. Allora non dovrebbe più scrivere di prostitute e droga. Perchè io sono contro la droga e quindi non potrei mai scrivere su un giornale che ne parla? Assurdo.

    La politica fa parte della storia di un Paese; da noi in Olanda abbiamo avuto il fenomeno “Wilders” ed io, ripeto, come giornalista, ne ho parlato.
    Anche Pim Fortuyn, se vede il video, è un pezzo di storia importante in Olanda, che ha aperto una nuova corrente di pensiero.

    Comunque legga a fondo i miei articoli e vedrà che MAI ci sono giudizi personali; quelli LI HO, ovviamente, MA ME LI TENGO PER ME o per gli amici con cui si può discutere senza fraintendimenti e anche con la possibilità di cambiare idee.

    Per questo ringrazio e lei e Piero per la discussione, con toni accesi ma sempre educata, che non può far altro che far riflettere sui propri e altrui punti di vista.

    Cristina

  10. Bianca Scrive:

    Gentile ItalianiBravaGente, non posso per ovvi motivi stare a discutere su argomenti così delicati ma mi piacerebbe avere un contatto con te / lei.
    Solo che non voglio lasciare la mia e-mail in giro per Internet: nel caso o te la fai dare dal moderatore e/o da Cristina (magari si può fare nonostante la differenza di vedute…) o fornisci la tua.
    Naturalmente se è possibile e se vuoi.

    Ciao!

  11. Maria Cristina Giongo Scrive:

    Hai ragione, Bianca, sono argomenti molto delicati, ma si può discuterne con calma.

    A me ha fatto male essermi beccata della razzista, perchè non lo sono mai stata; tanto che, ripeto, ho lasciato la collaborazione con ben due giornali, uno perchè mi aveva manipolato un testo che è uscito diverso da quello che avevo scritto io.
    D’altra parte rimango contro la violenza, sia per motivi religiosi che politici; e contro i violenti di qualsiasi religione e colore siano. E su questo non cambierò mai idea.

    Ciao, ciao,

    Cristina

  12. Bianca Scrive:

    Certo Cristina, so che sei una persona molto sensibile e per niente razzista ma il problema è molto più vasto e complesso di quello che si possa immaginare.

    Credo che “ItalianiBravaGente” abbia toccato anche nel nick :-) che ha scelto dei punti delicati.

    Ora ho da fare sennò non mi schiodo dal computer ma capiterà certamente l’occasione di riparlarne.

    Ciao!
    B.

  13. simone Scrive:

    Ciao Raimondo…
    Buon weekend a tutti..

  14. Bianca Scrive:

    Cara Cristina, mi preoccuperei non poco se una persona fosse a favore delle torture, della violenza e della guerra.
    Saprai certamente che anche la nostra religione ha combinato mica pasticci da poco, come terribili genocidi e stermini.

    Ancora oggi su molti occidentali (molti tra loro italiani anima e core) io avrei molto da dire e da ridire.
    E ne ho incrociati molti, troppi sulla mia strada: di fronte a me e nel virtuale.
    Come vedi nessuno è senza macchia.

    Tu sei certamente in buona fede e non è questo il luogo per parlare a fondo di Pim Fortuyn (tra l’altro ucciso da un olandese) ma il titolo a suo onore e ricordo fa arrivare a una certa conclusione.
    In questo non c’è niente di male, ognuno fa le sue scelte ma ripeto non mi posso trattenere.

    Ciao!

  15. Cristina Scrive:

    Cara Bianca,

    certo fai bene ad esprimere le tue idee, altrimenti che vita sarebbe se ognuno di noi non potesse esprimersi!

    Le persone che celebreranno Pim lo hanno molto amato come amico e conosciuto come amico, al di là delle sue idee politiche. E sono italiani. Ma se guardo questo video e anche gli altri su youtube mi pare che la sua morte abbia scosso parecchi olandesi.

    Per il resto hai ragione sui genocidi e aggiungo le inquisizioni… e qui torno alla mia paura della violenza, anche pensando al passato. Da qualsiasi parte venga. Per il resto siamo tutti fratelli.

    Comunque una volta ne riparleremo con tutta tranquillità.

    Ciao, ciao,

    Cristina

  16. Piero Scrive:

    Ciao Cristina…ho sentito ora il tuo mes. in segreteria..non sapevo neanche di avere la segreteria su Skype….eheheheh

  17. Cristina Scrive:

    Ciao, io avevo letto il tuo messaggio ma non ero su skype. Mi spiace.

  18. Real Prophet Scrive:

    Il Sig. ItalianiBravaGente, e con lui molti altri, non si rendono conto che l’Islam non e’ una religione ma un’ideologia supremazista politica e sociale. Che esistano cosiddetti mussulmani “moderati” cioe’ non jihadisti non ha alcuna importanza, anche fossero la maggioranza. Il vero Islam, quello del Corano e di Maometto, e’ l’Islam wahhabista dell’Arabia Saudita e salafista come quello di Al-Qaida, quello che prescrive, come c’e’ scritto sul Corano e sui Hadiths (i detti e gli esempi del profeta):”uccidi l’infedele quando lo vedi” e anche “non prenderai come amico un infedele” e ancora “alla fine dei giorni gli ebrei si nasconderanno dietro alle pietre e dietro agli alberi. E le pietre e gli alberi parleranno e diranno “O fedele di Allah, dietro di me si nasconde un ebreo, vieni ed uccidilo”. E tanti e tanti altri ‘fiorellini’ come questi. E certo non si puo’ dire che questi ‘sani’principi ed esortazioni da parte del “Messaggero di Allah” non siano stai messi in pratica sia nel passato ne’ di recente. ricordiamoci dell’ 11 Sett. 2001. Se i vari ‘buonisti’ alla ItalianiBravaGente non sanno queste cose e la realta’ sull’Islam abbiano la buona volonta’ di leggersi il Corano come ho fatto non solo io ma anche Geert Wilders che tanti fanno passare per razzista. In Europa ci sono 54 milioni di mussulmani e si calcola che nel 2020 saranno la maggioranza in Olanda. Il buon ‘ItalianiBravaGente’ si accorgera’ che gioia sara’ l’Olanda quando in parlamento approveranno la Sharia con tutte le sue delizie come la mutilazione genitale femminile, la mutilazione di mani e piedi per crimini contro la proprieta’ e forse la pena di morte per gli omosessuali. Per non parlare della distruzione di tutta la cultura europea. Chi legge questo mio messaggio, si faccia un regalo, si compri e legga il Corano e dia l’addio all’ Europa come la conoscevamo.

  19. Bianca Scrive:

    E tu comprati e leggi la Bibbia ed estrapolane dei passi come hai fatto per il Corano. Così, giusto per par condicio.
    Ti consiglio in particolar modo il Pentateuco.
    ‘Notte.

  20. Bianca Scrive:

    Ecco qui Real Prophet alcuni passi: tieni conto che io sono cristiana cattolica e in più studiosa di storia ebraica.

    Così come tu hai estrapolato dal Corano questo è dalla Bibbia:
    “Allora pagherai vita per vita, occhio per occhio, dente per dente, piede per piede, bruciatura per bruciatura, ferita per ferita”.
    “Manderò il mio terrore davanti a te”.
    “Colui che offre un sacrificio agli dei oltre che al Signore sarà votato allo sterminio”.
    Anche nei confronti di omosessuali e delle donne non mi pare che si vada giù leggeri.

    Vai a ripassare un po’ di storia caro mio a proposito di stermini, colonizzazione e genocidi.

    Buona domenica.

  21. Cristina Scrive:

    Grazie anche a Real Prophet per il suo contributo che mi convince sempre più dell’importanza del dialogo e di poter esprimere le proprie idee.

    Da una parte Bianca che consiglia di leggere la Bibbia e dall’altra Real Prophet che cita dei brani del Corano. Io li ho letti tutti e due.

    Oramai sono stanca di ripetere; la violenza è violenza, da qualsiasi parte venga. Condannarla non vuol dire essere razzisti o anticlericali ( vedi pedofilia). Vuol dire sentirsi veramente esseri umani che amano l’umanità ( e gli uomini: TUTTI gli uomini, rossi, neri, gialli, ebrei, non ebrei….) e chenon vogliono che sia distrutta. E su questo punto potremmo veramente trovarci tutti d’accordo o no?

    Grazie anche a Francesco che ha permesso a questo blog di aprire le porte anche ad un discorso culturale ed attuale più ampio e profondo; e a chi ha saputo reagire con tanta saggezza ed educazione, pur non condividendo le idee degli altri, come è avvenuto sino ad ora.

    Cari saluti a tutti e buona domenica,

    Cristina

  22. Bianca Scrive:

    Cara Cristina,
    non è una questione di contributi: il contributo casomai secondo me lo ha dato ItalianiBravaGente, non chi dice che tra qualche anno l’Olanda permetterà il taglio di mani e piedi anche qui.
    Io non ho consigliato di leggere la Bibbia ma ho estrapolato dei passi estremamente violenti, come ha fatto RP con il Corano.

    Inoltre Internet ha uno spazio infinito che permette a tutti ma proprio a tutti di dire tutto quello che vogliono, comprese le corbellerie, mentre un giornale seleziona e ha uno spazio fisico che non lo permette.

    Si percepisce il fastidio nei confronti dei musulmani e l’appoggio a una certa ideologia politica: che cosa c’è di male ad ammetterlo?

    E poi Cristina, a parte che Pim Fortuyn è stato ucciso da un olandese, cosa sicuramente esecrabile, mi sembra un po’ riduttivo dire che il fatto è avvenuto il 6 maggio del 2002 e dal 7 maggio l’Olanda ha iniziato a cambiare e a chiudere agli stranieri…

  23. Marco Scrive:

    La Thorà contiene precetti giuridici e cosmogonie ma non è una mera raccolta di tradizioni ebraiche, bensì la guida per un popolo.

    E’ possibile comparare la Thorà (o Pentateuco se preferisci) con il Corano al fine di evidenziarne l’intrinseca pericolosità, il mai dissimulato dogmatismo teologico, il potenziale illiberale che vi alligna ma…non è a mio avviso l’approccio escatologico corretto rectius il giusto approccio.

    La modernità è talmente certa della propria supremazia sull’immateriale che non può fare a meno di volgere il proprio sguardo, le proprie aspettative, le proprie inquietudini a testi sacri millenari…la verità è che l’Occidente sta vivendo da alcuni decenni una fase di riflusso e lo spazio che lascerà libero verrà inesorabilmente occupato da altri

    Buona domenica

  24. Cristina Scrive:

    Bianca, hai ragione. E anche Marco ha ragione.

    Sono versi terribili. Però Gesù Cristo, (se mai è esistito…. ) parlava di amore, pace, perdono, anche per la prostituta ( ma non per chi dava scandalo ai bambini). Per lui la donna aveva un valore e anche l’amicizia ( con gli apostoli, per esempio).

    Questa dovrebbe essere la figura di riferimento del cattolico che ancora spera in un futuro di pace e amore. Lui non si è fatto saltare in aria coperto di bombe sino ai denti…..distruggendo la vita di altri innocenti: ma si è immolato lui stesso (sulla croce ) per gli ideali in cui credeva. Penso che la differenza sia questa.

    Si devono portare avanti le proprie idee ( e non le ideologie ) in modo non violento. Quindi…non ….”occhio per occhio, dente per dente”, ma…”porgi l’altra guancia”.

    Complimenti ai lettori di Blogolanda, fra cui vedo che ci sono molte persone di cultura e di spessore!

  25. Bianca Scrive:

    Dimenticavo: so che ci sei rimasta male per la questione del razzismo a te attribuito, qui non concordo.
    Però si percepisce che si è d’accordo con queste posizioni ideologiche: mi pare che IBG non abbia scritto un messaggio buonista, anzi, si è dissociato da cert* usanze e tradizioni musulmane.
    Mica però si possono gettare tutte le croci addosso a questa gente e accusarli di tutto.

  26. Bianca Scrive:

    Cara Cristina ma che cosa vuol dire che Gesù Cristo (grandissima figura) non si faceva saltare in aria armato fino ai denti?
    Perché, Maometto si faceva saltare in aria armato fino ai denti?

    Qui la maggior parte dei musulmani lavorano, pregano, mandano avanti le famiglie e non danno fastidio a nessuno.
    Io li apprezzo molto più, gli stranieri, di certe facce di tolla cristiane e cattoliche che mi trovo intorno.
    A parte stermini, inquisizioni, genocidi eccetera eccetera.

  27. Cristina Scrive:

    Bianca, su questo concordo: non si può gettare addosso a questa gente ( fra cui ci sono ottime persone) tutte le croci!

    Pim Fortuyn ( se leggi il suo libro) non lo aveva fatto. Ma anche lui era stato frainteso.

  28. Bianca Scrive:

    L’ho già letto il libro di Pim Fortuyn cara Cristina.

  29. Marco Scrive:

    I Templari, a differenza di altri Ordini militari occidentali possedevano una fortissima trascendenza religiosa: ciò permetteva loro di sopperire all’inferiorità numerica sulle milizie musulmane e difendere i pellegrini cristiani delle terra santa. Era una élite monastico-guerriera.

    Ciò non impedì ai Regni latini d’Oriente di subire nel volgere di pochi decenni una rovinosa sconfitta.

    Se guardiamo ad ogni fase espansionistico-militare che ha caratterizzato la storia, sappiamo per certo che l’espansionismo che non si fonda sull’accettazione del “diverso”, su un sostrato culturale coinvolgente, è destinato a fallire.

    Oggi siamo innanzi a qualcosa di diverso: Le umane vicende han un incedere impetuoso e la canalizzazione che possono prendere è quasi impossibile da prevedere nel medio termine.

    Forse coltivando meglio il micro-cosmo che è in noi, curando meglio le esigenze della nostra anima, vedremo nella giusta luce anche gli eventi epocali in cui siamo avvolti.

    Ancora buona domenica

  30. Bianca Scrive:

    Concordo con Marco (ho letto il suo messaggio solo ora) e ripeto: ho solo fatto l’operazione di estrapolare alcuni passi dalla Bibbia come RP ha fatto con il Corano.
    Operazione molto pericolosa anche a livello giornalistico.

    Il crollo dell’Europa è dovuto a ben altri fattori culturali, storici ed economici e non mi sembra il caso di continuare a lungo.
    Tra l’altro l’avanzata dei colossi asiatici, globalizzazione e via elencando con perdite di milioni di posti di lavoro.
    Non è che un giorno qualcuno (olandese tra l’altro) ha ucciso Pim Fortuyn e il giorno dopo l’Olanda ha iniziato a cambiare perdendo le sue tradizioni di tolleranza.

    Buona domenica2.

  31. Cristina Scrive:

    Caro Marco,

    non mi pare che tu abbia un microcosmo in te; ma un mondo interiore moltoricco, a quanto mi pare di capire leggendo i tuoi scritti. Conservalo, mi raccomando!
    ————————————————————-

    Bianca, il mio riferimento a Gesù Cristo era solo per usare un simbolo che per me è di pace, saggezza e vero amore.
    Ripeto; io NON sono contro i musulmani che “pregano, lavorano, mantengono la famiglia e non danno fastidio a nessuno”, come dici tu, ma sono contro gli integralisti e fondamentalisti musulmani che seminano odio anche contro la nostra cultura.

    Per esempio, come forse avrai letto, solo per aver riportato sul mio giornale online (Il Cofanetto magico) la notizia che era caduto il governo olandese a causa della questione del ritiro delle truppe dell’esercito olandese in Afganistan….mi sono beccata una minaccia di MORTE( in un inglese scritto malissimo), che viene proprio dall’Afganistan. E QUESTO NON LO TROVO GIUSTO.

    Chi scrive non ha capito neppure il senso dell’articolo perchè forse non parla italiano ma è bastata la parola musulmano ed Islam per scatenare le ire di chi “non vuole neppure che osiamo nominarli”.

    Va bè, chiudo il discorso altrimenti passo per razzista.
    Spero solo che prima o poi in questo mondo così difficile, torni un po’di pace!

    Un abbraccio a tutti!

  32. Bianca Scrive:

    Purtroppo Marco le esigenze della propria anima non vengono curate e dominano cupidigia, avidità, materialismo e grettezza, accentuate tra l’altro (hai ragione) dall’impetuosità del tutto.

    E discuterne in Internet non serve a nulla e fa perdere tempo: senza andare molto lontano nello spazio e nel tempo le cose si hanno di fronte e si capisce dal particolare come funziona il generale.

    Tieni presente Cristina che l’Olanda, Paese che io amo moltissimo, ha una matrice mercantilistico-capitalistica, da dove credi che venga la parola “boeri” (Sudafrica) se non dall’olandese “boer”, contadino?
    E via elencando.

    Ciao!

  33. Marco Scrive:

    Interessante questa specifica tra micro-cosmo e mondo interiore molto ricco: è un distinguo non inane.

    Grazie per il rilievo, ci rifletterò.

    Saluti

  34. Bianca Scrive:

    Cristina, tu non sei contro i musulmani ma approvi il pensiero di Wilders e di Pim Fortuyn e ripeto non c’è nulla di male.
    Siamo in democrazia (pare).

    Massima solidarietà per le gravi minacce rivolte da integralisti e fondamentalisti ma io invece ce l’ho a morte con altri sistemi che tra l’altro i principi cristiani se li mettono sotto i piedi: e anche se è una cosa più strisciante del tizio che si fa saltare in aria non è meno pericolosa per il genere umano.

    Devo proprio andare, dui.

  35. Bianca Scrive:

    Finally, complimenti per la ricchezza del mondo interiore.
    Ciao.

  36. Cristina Scrive:

    No, no, Bianca. NON sono per Geert Wilders; ho solo detto che, avendolo conosciuto di persona, mi sono trovata davanti ad un uomo diverso da quello che i suoi atteggiamenti arroganti fanno credere…

    Ma lui sa benissimo, perchè ne abbiamo parlato a lungo, che non verranno mai accettate da nessuno le sue parole di odio e le offese ad una religione.
    Non puoi paragonare un libro religioso ad un libro nazista.
    Quando glielo dissi mi rispose letteralmente: ” è vero, e io non ho niente contro i musulmani brava gente…Il mio modo di provocare e di scioccare dipende solo dal fatto che se non fai così, se non gridi…nessuno ti ascolta”.

  37. Cristina Scrive:

    Ok, ragazzi, è stato comunque un inizio di giornata interessante: viva i nostri mondi interiori!

    Interessante anche la specificazione di Bianca su boeri ( Sudafrica) e boer, parola olandese che significa contadino. Non ci avevo pensato!

  38. Bianca Scrive:

    E qui cara Cristina, quel che è giusto è giusto, concordo con lui.
    Per esempio io mimetizzo molto bene molte cose, non faccio capire quello che mi passa per la testa.

    Poi cambio completamente anche provocando e con le maniere forti e allora vedi che anche chi fa finta di non capire capisce per forza e scatta subito in piedi.

    A volta bisogna fare così per farsi ascoltare.

    Ciaooo.

  39. Piero Scrive:

    Certo che di commenti ne ho letti tanti,ma di questi così interessanti era un bel pezzo che non li leggevo.

    L’ignoranza dell’uomo e la povertà se la si associa alla religione assume aspetti terrificanti e questo la storia ce lo ha insegnato… vedi la Chiesa…cito esempi come “la caccia alle streghe,l’inquisizione, le crociate in nome di DIO “…quanti morti ci sono stati nei secoli in nome della religione ?
    Poi se si pensa all’islamismo….mi viene in mente,il corano che ti cita ad esempio ,il non bere,ti consiglia di non mangiare la carne di maiale…ecc.ecc.
    Poi vedi come trattano le donne musulmane…con il Bourqua…le trattano come cimeli e soprammobili…..poi pensi alla sharia…alle mutilazioni…alle lapidazioni x adulteri..
    Allora io mi chiedo cos’è peggio nella vita quando si parla di credenze e di religione ?
    Semplice… non c’è cosa peggiore che qualunque RELIGIONE …e le guerre religiose nei secoli hanno portato solo morti e distruzioni e sono le peggiori…che si voglia o no…
    La cosa peggiore è che le guerre di religione sono le peggiori e soprattutto inesauribili…
    Verrà un giorno che forse vi sarà la supremazia dell’Islamismo sul resto delle religioni e allora vedremo come si andrà a finire…ma questo se avverrà ,avverrà semplicemente perchè il cosidetto 3zo mondo musulmano presenterà il conto all’Europa..quell’Europa che per secoli ha sottratto risorse minerarie e se vogliamo “umane ” con la schiavitù a paesi come l’Africa…e ora spinti dalla fame e dalla disoccupazione si riversano verso l’Europa e soprattutto i paesi del nord…
    Quindi la scusa del razzismo risparmiamocela,e se proprio si deve pensare al razzismo,pensiamo a quello che noi europei “cristiani ” in nome di DIO abbiamo fatto nel corso dei secoli a quell’Africa musulmana,privandola di risorse minerarie e quant’altro arricchendoci alle loro spalle e ora se vi è stata una invasione africana musulmana negli ultimi decenni a sta parte ,non stupiamoci…sono solo persone che vogliono vivere umanamente nel miglior modo possibile,visto che in passato noi europei non glielo abbiamo permesso

  40. Bianca Scrive:

    Ciao Piero, non mi posso assolutamente trattenere in questo thread (si dice così?) perché un commento tira l’altro, molte cose che dici possono essere condivisibili, per esempio l’ultima frase, ma giusto per dirne una: a ottobre io faccio 10 anni in Olanda e nelle strade non ho visto più di quattro – cinque, forse sei burka.

    Idem una mia amica che vive qui da quasi vent’anni, questo significa che le donne musulmane (intendo la loro maggioranza) non vanno in giro ricoperte da capo a piedi da un indumento che lascia scoperti solo gli occhi.
    Il fatto dice poco, nulla o molto: significa però che le esagerazioni fioccano e ognuno porta l’acqua al suo mulino per affermare le sue tesi.
    Ora devo proprio andare altrimenti non mi schiodo più dal PC e non combino nulla :-(

    Salutoni, ciao e buona domenica!
    B.

  41. Piero Scrive:

    Ovviamente come in tutte le religioni ci sono aspetti contraddittori…Prendi ad esempio il corano…se lo osservi ciecamente ti consiglia di non bere alcolici e di non mangiare carne di maiale per il bene della tua salute…poi si contraddice per altri aspetti come ti consiglia di trattare la donna…
    Prendi ad esempio la bibbia….la chiesa ti vieta di usare il preservativo perchè “uccidi ” UNA VITA.”..POI VEDI IN AFRICA QUANTI AFRICANI CATTOLI STANNO MORENDO E MORIRANNO DI AIDS PER QUESTO…
    Oppure ti ritrovi 10 figli e non sai come mantenerli….io quella gente lì, manderei tutti in vaticano…predicano la carità,poi vedi vescovi girare con autista e tanto di anelli d’oro alle dita e catene d’oro al collo..Eh ! bello predicare la carità,quando sono gli altri a farla.
    Che paghassero le tasse anche in Vaticano e che il santo PAPA prendese un suo sereo,invece di usare quello dell’alitalia pagato con le nostre tasse…MA LUI è IL PAPA ,QUINDI GLI è DOVUTO TUTTO…
    NOOOO GENTE ! La verità è che l’essere umano da per se è timoroso e ha bisogno di appigliarsi a un qualche cosa nei momenti di difficoltà e ha bisogno di credere in qualcosa… spesso ci si attacca a questo quando si vuole ottenere un qualcosa di impossibile…
    Si prega per una vita….per dei benefici….in nome di Dio o di Allah….
    La religione… ha sempre portato nel corso dei secoli nella maggior parte delle volte solo ed esclusivamente problemi e guerre…
    LOVE AND PEACE….
    E buona domenica a tutti quanti voi..

  42. Cristina Scrive:

    In effetti mi mancava il tuo commento, Piero! Eh, eh….

    La cosa bella è che diciamo tutti le stesse cose, alla fin fine…o, almeno, desideriamo tutti la stessa cosa: la pace!
    Pace in famiglia, pace con gli amici, se sono veri amici, pace nella natura, fra gli uomini, fra le varie religioni….

    Allora anche per te….una buona domenica di pace! E ora vado a scrivere l’editoriale di maggio del Cofanetto magico, se prima la mia famiglia non mi ha ancora presa a schiaffoni ( a proposito di pace!) perchè sono già da ore……al computer!

  43. Real Prophet Scrive:

    Mi stupisce molto la superficialita’ e faciloneria di Bianca. Paragonare il Corano alla Bibbia e’ chiaro indice di mancanza di preparazione storica. Bianca, dato che ha letto la Bibbia, anche se ovviamente non l’ha capita, perche’ non si legge il Corano che e’ molto piu’ semplice, e si fa un’idea su quello che dice veramente, invece di riportare pregiudizi ed ostilita’ molto cattolici sull’ebraismo?
    Vede Sig.na Bianca, la Bibbia che la sua chiesa cattolica si e’ guardata bene dallo spiegarle, non e’ solo un libro che le racconta la storia del popolo ebraico ed i rapporti con l’Eterno, ma e’ anche un codice penale e civile per un popolo abbrutito da una schiavitu’ (quella in Egitto) durata piu’ di 400 anni. Se poi si rendesse conto che i famosi 10 Comandamenti sono stati dati da D-o ben 1500 anni prima della nascita del rabbino ebreo Joshua (quello che lei chiama Gesu’)
    sicuramente non prenderebbe la Bibbia cosi’ sotto gamba. Se poi lei sapesse che il comandamento che la chiesa cattolica le ha propinato come:”Non commettere atti impuri” in realta’ nella sua versione vera (quella dell’originale cioe’ della Torah, quella che lei chiama Bibbia) e': “Non commettere adulterio” (e questo ben 3500 anni fa) penso che non avrebbe piu’ il coraggio di paragonare la Torah al Corano che prescrive che la donna e’ inferiore all’uomo e che e’ giusto bastonare quando non ubbidisce. Lei dice che io cito frasi del Corano fuori dal loro contesto, ma cosa ne sa? Quale contesto vuole che addolcisca la pillola del detto: “Uccidi l’infedele quando lo vedi”? Ma lo sa che per l’Islam non ci puo’ essere convivenza con un’altra religione, che tutte le religioni al di fuori dell’Islam sono false e devono essere distrutte, che qualsiasi traccia della cultura precedente alla conquista di un paese da parte dell’Islam deve essere obliterata? Se le ricorda le statue millenarie di Buddha in Afghanistan distrutte dai Talebani? Si e’ mai domandata perche’ i mussulmani hanno sempre costruito le loro moschee sulle chiese e i luoghi sacri di altre religioni, cercando di cancellarne tutte le tracce? Perche’ crede che sul Monte del Tempio di Gerusalemme, sulle rovine dell’unico luogo sacro degli Ebrei, gli arabi hanno costruito ben due moschee, il Duomo della Roccia e la Moschea di Al Aqsa? Senta, le consiglio di leggersi il Corano che le aprira’ molto gli occhi. Se proprio non vuole leggerselo allora le consiglio di tralasciare di occuparsi di religioni al di fuori della sua.

  44. Bianca Scrive:

    Ahahahah,
    Real Profet, ferma la tua ignoranza: ti ho fatto una lezione degnissima di apparire su carta stampata, non a caso grandi giornalisti e grandi scrittori mi onorano della loro stima e vogliono collaborare con me.
    Il resto te lo risparmio.

    Tu NON PUOI ESTRAPOLARE frasi a caso, perché la BIBBIA è molto più violenta del CORANO e in nome del Dio cattolico sono stati commenssi crimini atroci.
    Io non ho invitato a leggere la Bibbia come detto dalla nostra Cristina: ti ho fatto notare l’operazione ingannevole di estrapolare frasi a caso da un testo.
    Ti ricordo anche la frase di San Paolo: sia la donna sottomessa all’uomo, se per quello.

    L’Europa come l’America patisce molto altro, come l’avanzata dei colossi asiatici e tu non sai nulla: le storture dei musulmani vanno corrette e fermate in bel altro modo, e io non ne parlo con sconosciuti come te nei blog.
    Anche quando sono persone rispettabili come Marco.
    Perché ho altro da fare, tu sei pieno di pregiudizi che ti tolgono la capacità di discernere.

    Di frasi violente ripeto è piena la Bibbia, di stermini e genocidi il mondo, compreso quello cristiano e cattolico, con tutto il rispetto per Dio e Gesù Cristo, qui in dieci anni ho visto non più di dieci burka in giro e via elencando.

    Vivo in Olanda e ho seguito dal vivo queste vicende, anche quelle relative a Pim Fortuyn, stranieri e permessi di soggiorno, ed eventuali lacune, che non mancano nemmeno a te, credimi, le colmerò senza bisogno dei tuoi consigli.

    Dopotutto non sono un’islamista.

    Come nemmeno te.

  45. Bianca Scrive:

    Anyway, sono costretta a non leggere più il continuo di questo thread, dove ieri mi sono inserita quasi per caso, quindi non ti risponderò e non certo perché mi mancano le possibilità di farlo.
    Volevo rispondere a una persona alla quale serviva un’informazione urgente e non ho resistito perché se ho molte info e la capacità di distribuirle, quando posso lo faccio.
    Altra mia caratteristica ben nota.

    Ho altro da fare, anche per contrastare le simpatiche abitudini dei tuoi amici cattolici, cristiani e con la bocca piena di precetti evangelici, che si schiacciano sotto le scarpe, perché la cupidigia, la grettezza, l’avarizia sono il loro marchio di fabbrica.

    Non ti posso proprio accudire, credimi e trattenermi con te in Internet, con tutto il rispetto per Cristina e gli altri amici.
    Quindi, se ricevo un altro messaggio lo elimino senza nemmeno leggerlo.

    Statti bene e non estrapolare frasi a caso: se lo fai tu lo faccio pure io.

  46. ass.cult.PIM FORTUYN Scrive:

    BUONGIORNO A TUTTI,
    ABBIAMO LETTO I VOSTRI COMMENTI E SIAMO IN CONTRASTO SUI NOSTRI SENTIMENTI, OSSIA ABBIAMO CONSTATATO CON PIACERE CHE SI è INNESCATO UN DIALOGO TRA PERSONE CIVILI CHE LA PENSANO OGNUNO IN MANIERA DIVERSA ED E’ GIUSTO CHE SIA COSì, PERCHè PROPRIO COME DICEVA PIM FORTUYN: “Il confronto con chi è diverso da noi è fonte di stimoli e di nuove sfide ed allargare gli orizzonti rende liberi… “…
    DALL’ALTRA PARTE C’è UN PO’ DI TRISTEZZA NEL LEGGERE I COMMENTI DI ALCUNE PERSONE CHE SANNO SOLO IN PARTE LA VERA STORIA E LE VERE IDEE DI FORTUYN.
    IN QUESTO BLOG NON VOGLIAMO CERTAMENTE CREARE PROBLEMI, ODI E/O RANCORI, ANZI, RINNOVIAMO I RINGRAZIAMENTI A TUTTI COLORO CHE HANNO SCRITTO DI PIM FORTUYN, IN PRIMIS CRISTINA CHE è UNA DONNA “PULITA”, UNA DONNA CHE NON HA PAURA DI ESPORSI E LA PROVA SI TROVA NEL MODO CHE HA DI RISPONDERE E COMPORTARSI NEI CONFRONTI DI ATTACCHI E COMMENTI DI CERTE PERSONE.
    QUI VOGLIAMO SOLO DIRE CHE CHI HA QUALCOSA CONTRO FORTUYN ABBIA IL CORAGGIO DI DIRLO AI DIRETTI INETERESSATI.
    QUESTO BLOG NON DEVE ESSERE ASSOLUTAMENTE PENALIZZATO PER AVER SCRITTO UN ARTICOLO SU UN PERSONAGGIO CHE PER ALCUNI PUò ESSERE SCOMODO, MA POSSIAMO VOLO DIRE: viva la libertà di espressione!!! E VIVENDO IN UN CONTINENTE CHE SI RITIENE LIBERO, CREDO CHE IL MINIMO CHE TUTTI POSSIAMO FARE SIA QUELLO DI RISPETTARE LE IDEE ALTRUI, SENZA OFFESE E CALUNNIE.
    TENIAMOCELA STRETTA QUESTA BENEDETTA LIBERTA’, NON SO ANCORA PER QUANTO TEMPO, LE PAROLE DI FORTUYN SONO SEMPRE STATE PROFETICHE E DI ESEMPI A CONFERMA DI CIò CE NE SONO A DECINE….
    CARISSIMI TUTTI, L’ERBA DEL VICINO è SEMPRE PIù VERDE, MA STIAMO ATTENTI CHE PER INVIDIA O ALTRE RAGIONI, QUELL’ERBA PUò ESSERE ANCHE FINTA…
    ASS. CULT. PIM FORTUYN

  47. Bianca Scrive:

    Non posso seguire oltre la discussione, mi spiace.

    Sono felice che in questo modo il blog cresca per la ricchezza di commenti e partecipazione, ma io perdo tempo che non mi viene più reso, in nessun modo.

    Real prophet, caschi male: ho lavorato quasi quattro anni per gli israeliani, con i quali sono stata magnificamente, sono una studiosa di storia ebraica e per questo motivo venni anche invitata alla Knesset di Israele (il Parlamento) per un seminario.
    Sono cristina cattolica, sebbene non praticante, e ho grande rispetto per Dio, Gesù Cristo ecc. ecc. (scusate la semplificazione).

    E non escludo, ci ho pensato ieri, di chiedere per esempio un’intervista e un confronto a qualcuna/o dell’associazione Pim Fortuyn, per esempio Emanuela, tanto più che si avvicina l’ottavo anniversario della morte (tragica): come vedi sono aperta a tutto.

    Un caro saluto a voi, anche a RP.

    Ciao!
    :-)

  48. Bianca Scrive:

    Cara Emanuela,
    anche trafficare con essere umani per la prostituzione obbligata, mercificare il corpo femminile, rendere YouPorn accessibile a milioni di persone con acrobazie (di donne normali) da fare impallidire la più scafata delle pornostar, mortificare l’intelligenza femminile pagando il frutto del talento altrui la favolosa somma di zero euro da parte di persone con buste paga pesanti assai non mi pare un’immagine molto pulita della donna.

    Anche questa è libertà di espressione.

    E anche le mie parole sono state profetiche, ma è una storia lunga e io devo sbrigare un sacco di cose.

    Baci.

  49. ass.cult.PIM FORTUYN Scrive:

    Gent.ma Signora Bianca,
    noi dell’associazione Pim Fortuyn siamo brndisposti verso tutti coloro che ci fanno richieste simili alla Sua.
    Magari ce ne fossero di più di persone coraggiose che indipendentemente dalle idee desideranpo confrontarsi….
    Sa dove trovarci e sia io che scrivo (Emanuela) che ancora di più il Presidente dell’Associazione (grandissimo amico di Pim) ben volentieri ci rimettiamo a Sua disposizione.
    Ass.Cult.PIM FORTUYN

  50. Bianca Scrive:

    Gentile Emanuela,
    avevo già intuito che lei è una persona molto educata e civile e il suo messaggio me lo conferma.
    Anzi dico la verità ci pensavo da tempo a mettermi in contatto con voi… non sono un’islamista ma ho seguito da vicino queste vicende, in un certo senso anche personalmente.
    Tra l’altro mi ricordo benissimo che il 6 maggio 2002, dopo una giornata molto “emozionale” da questo punto di vista, tornata a casa ho saputo del barbaro omicidio di Pim Fortuyn: è stato proprio un amico di origine curda (che ha avuto dei gravi lutti per via di Saddam Hussein) a dirmi per primo che il politico olandese aveva dato disposizioni per essere seppellito in Italia.

    Se devo staccare dalle discussioni sebbene interessantissime e appassionanti è perché mi conosco bene :-) e giuro mi faccio coinvolgere talmente tanto che rischio di non combinare niente.

    Ci risentiremo sicuramente presto – ho tutti i dati – e/o magari tramite l’amica Cristina.

    Buon proseguimento e cordialità.

    Saluti!
    Bianca

  51. Bianca Scrive:

    Caro Real Prophet: non è mia abitudine reagire così aggressivamente ma ho paura che sebbene un po’ pigra il termine facilona e superficiale non mi si addica.

    Tra l’altro, il 16 maggio del 2006, da un Internetpoint perché ancora non avevo la connessione a domicilio, ho inviato al Corriere, per prima, la notizia della caduta del Governo olandese per via della nota vicenda Hirsi Ali, la deputata somala che collaborava con Theo Van Gogh, lui pure barbaramente ucciso il 2 novembre del 2004 questa volta non da un olandese ma da un fanatico musulmano (secondo me pure fuori di testa).

    Sono stata gentilmente invitata a mettermi in contatto con il direttore per accordi ma siccome sono facilona :-) non l’ho fatto, per il momento mi bastava la soddisfazione di avere bruciato in un certo senso la notizia nonostante l’emergenza… qualche giorno dopo, nel giornale (cartaceo) è comparso l’articolo di un loro inviato.

    Questo non fa di me, ripeto, un’esperta islamista perché non lo sono, ma dimostra che qualche notizia al proposito la mastico.

    Cordialità.

  52. ass.cult.PIM FORTUYN Scrive:

    Gent.ma Signora Bianca,
    vedrà che Bruno il Presidente dell’Associazione, con i suoi racconti su Pim, La emozionerà molto in quanto uscirà un aspetto che nessuno conosce, ossia un uomo… semplicemnte un uomo anch’egli con le sue debolezze, i suoi bisogni, i suoi sogni, un uomo che però non ha mai ceduto di fronte a compromessi, neppure allettanti come migliaia e migliaia di euro….
    E capirà Pim Fortuyn …. e le sue idee ….
    ed indipendentemente dal fatto di approvarle o meno, capirà il motivo per cui aveva quelle idee.
    Spero di ricevere presto un Suo riscontro.
    Ass.Cult.PIM FORTUYN

  53. Real Prophet Scrive:

    Sono entrato per caso in questo blog che non conoscevo su sollecitazione del mio amico Armando Manocchia anche perche’ volevo esprimere a Cristina Giongo la mia solidarieta’ per le sue incresciose vicende con due giornali. Mi ha molto stupito e un po’ schifato il trattamento che ha subito da parte di due giornali dei quali io avevo rispetto. Per quello che vale, gentile Sig.ra Cristina, le esprimo tutta la mia solidarieta’ e simpatia.

    Credevo che su questo blog scivessero persone solidali con i principi enunciati e rappresentati da un grande uomo, Pim Fortuyn. Mi sono trovato invece a discutere con persone con scarsissima conoscenza dell’Islam e probabilmente per questo apologetiche di quell’ideologia di morte e di odio. Piantiamola di fare i “political correct” per paura di essere tacciati di razzismo. La “political correctness” e’ quella che ha indebolito drammaticamente la cultura occidentale e l’ha lasciata preda del razzismo-al-contrario delle sinistre. La political correctness e’ quella che vuole far credere che una ideologia medioevale e primitiva possa essere paragonata agli splendori della nostra cultura europea. Le sinistre hanno inquinato le menti ed hanno convinto gli sprovveduti che accettare il relativismo morale che vorrebbero i mussulmani, sia cosa ammirevole e da intellettuali. Non e’ cosi’ e il risultato si vede anche in quello che scrive Bianca. Bibbia, Corano e Vangelo sono per lei la stessa cosa, tutti hanno frasi che predicano violenza e intolleranza. Ma mentre i mussulmani non solo predicano ancora la violenza, la supremazia e l’intolleranza ma le attuano molto efficientemente ai nostri giorni, la Bianca deve riconoscere che solo i mussulmani decapitano i poveri disgraziati cristiani ed ebrei caduti nelle loro mani come i numerosissimi americani e filippini che sono stati decapitati in Iraq per il volere di Allah ed il povero Dan Pearl, giornalista ebreo del Wall Street Journal in Pakistan qualche anno fa. E che dire dei massacri di cattolici in Pakistan e delle chiese fatte saltare dai fedeli di Allah? E i 57 morti a Londra per mano mussulmana un paio di anni fa, e le centinaia di massacrati alla stazione di Madrid sempre per mano dei fedeli della “religione di pace”? Ha mai visto la Bianca ed altri political correct, gli ebrei o i cristiani fare azioni del genere e tagliare la testa a mussulmani di recente?
    Mi spiace anche leggere su questo blog la corsa a disassociarsi da Geert Wilders, probabilmente l’uomo piu’ coraggioso d’Europa. Ce ne vorrebbero migliaia come lui. Ma veramente non si e’ capito quale pericolo sia per l’Europa e la cultura europea l’avanzata inesorabile dell’Islam? E in questa Europa di folli invece di ascoltare uomini di grande valore come Fortuyn e Wilders, tutto quello che cresce nella mente malata eurabica e’ l’antisemitismo e l’anti-israelianismo. E intanto il futuro califfo dell’Eurabia se la ride e si frega le mani.

  54. Piero Scrive:

    Volevo scusarmi con tutti per essermi perso tra le righe di queste discussioni se pur animate..in effetti l’argomento doveva essere Pim Fortuyn,non la religione cristiana o musulmana,che seppur quest’ultima è entrata nel contesto.
    Come spesso accade ci si perde in discussioni che in parte o nulla hanno a che fare con l’argomento…
    Vorrei ,appena ne avrò tempo,documentarmi su questo personaggio che è Pim Fortuyn.
    P.s.
    Vorrei ricordare a tutti coloro che non lo sanno che questo blog non parla di politica,o per lo meno si cerca di evitare di farlo…inoltre le persone che scrivono su questo blog,fatta eccezione x il sottoscritto che è tutto all’infuori che un giornalista ( e si può notare dal mio italiano scritto eheheeh )
    sono persone competenti intelligenti e istruite…
    Persone come Cristina e Bianca in primis meritano tutte il mio rispetto…
    Buona giornata a tutti

  55. Cristina Scrive:

    Grazie Piero, grazie Real Prophet, grazie all’Associazione Pim Fortuyn, per le belle parole e la stima.

    Sì, Piero, hai ragione, questo Blog non è a carattere politico, ma parla dell’Olanda e quindi anche di argomenti inerenti la vita sociale e culturale di questo Paese. Infatti sono stati affrontati altri temi come la droga e la prostituzione.

    Comunque leggendo i commenti che ci sono stati devo dire che siete tutte persone intelligenti; e che sanno esprimere le loro idee con molta intelligenza.

    Binaca legge molto ed ha una cultura sconfinata che ammiro molto.

    Condividere le stesse idee spesso è un segnale di stasi; infatti è anche attraverso il disaccordo che si cresce. Dipende solo dal modo di discutere.

    Piero, se vuoi sapere di più su Pim Fortuyn puoi contattare l’Associazione che porta il suo nome.

    Circa le collaborazioni con Libero ed Il giornale, Real Prophet, dipende anche dalla situazione che vivono; la crisi sta rendendo tutti veramente rivali; e la rivalità fra colleghi è deleteria. I direttori se ne strafregano, troppo impegnati a mostrarsi in televisione e alcuni caporedattori fanno veramente i “capetti”.
    A parte Antonio Spampinato che si occupa degli esteri ( di Libero), un uomo veramente serio e responsabile. Ma purtroppo non può prendere le decisioni solo lui! Grazie a lui, comunque, ho potuto parlare di Alexandre Del Valle.
    La ringrazio di nuovo per il suo sostegno.

    Cari saluti a tutti,

    Cristina

  56. Bianca Scrive:

    @ Piero: grazie, sei molto carino nonostante qualche scaramuccia, risolvibilissima, che ci può essere stata.

    @ Cristina grazie cara, sei sempre carinissima e hai reagito con molta classe e stile a qualche mio commento un po’ pepato.
    In fretta: come scrivi tu, nel giornalismo e non solo la competizione e la rivalità, più crisi ecc. ecc. stanno rendendo la situazione ai livelli di guardia.
    C’è stato un regresso pauroso e bisogna stare sempre in guardia.

    @ Real Prophet: peace and love, ora vado a diffondere Corano e Bibbia porta a porta.

    @ Emanuela: grazie davvero, met veel plezier (con molto piacere).
    Ho già letto dei libri di Pim Fortuyn e Hirsi Ali e non ho mai negato che ci si deve battere contro gli integralismi, le storture e le ingiustizie, da qualsiasi parte provengano.

    Un salutone generale, ciao!
    B.

  57. Real Prophet Scrive:

    <>

    Come immaginavo Bianca non solo non ha capito niente di quello che ho scritto, ma come si poteva intuire, non ha niente da dire. Si limita a cercare di “make fun” delle mie parole. Quando le faccio notare che la mostruosa ideologia dell’Islam non e’ solo un problema di parole ignobili ma di fatti ed azioni malvagie che ancora al giorno d’oggi i fedeli di Allah mettono solertemente in pratica ispirandosi a quei principi di odio, supremazia, razzismo e anti semitismo di cui il Corano e’ pieno, non riesce a trovare niente di meglio da ribattere che listare alcune frasi violente presenti nella Torah. Oppure controbatte che lei in Olanda di burka ne ha contati “solo quattro, cinque o sei”. Naturalmente, dato che le sembra che quella sia la misura su cui giudicare l’Islam, mi sento obbligato a farle notare che il burka e’ una “veste” tipica dell’Afghanistan, mentre gli immigrati mussulmani in Olanda, sono nord-africani che mai hanno fatto indossare il burka alle loro donne. Io ho vissuto 11 anni in Libia (Tripoli) e posso assicurare che non solo non ne esiste neanche uno di burka ma neanche il nome e’ conosciuto. Lo stesso dicasi per l’Europa continentale dove invece il niqab, il hijab ed il chador sono usati. Bianca mi auguro che tutte le grandi personalita’ che ricercano attivamente la sua collaborazione, come dice lei, non la interroghino o la facciano lavorare sulla questione mediorientale o sull’integrazione (inesistente) dei mussulmani in Europa. Non mi pare sia pane per i suoi denti.

  58. Cristina Scrive:

    Eh…eh…ragazzi, non litigate….tanto nessuno dei due mi pare che cambierà le sue idee: sono troppo distanti!

    Ciao a tutti,

    Cristina

  59. Bianca Scrive:

    Real, ho saltato a piè pari il tuo commento.
    Non mi interessa gonfiare il thread a furia di decine di commenti.
    Tutto qui.
    Statti bene.
    Best regards,
    B.

  60. Real Prophet Scrive:

    “nessuno dei due mi pare che cambierà le sue idee” dice Cristina riferendosi a me e Bianca.

    Cara Cristina,
    non voglio assolutamente fare del sarcasmo ne’ apparire “smart”, ma francamente, malgrado in questo blog Bianca abbia scritto fiumi, non sono riuscito assolutamente a capire quale siano le sue “idee”. Tu hai capito quale e’ la sua idea riguardo quello che Fortuyn, Wilders e modestamente anche io diciamo? Ha solo parlato per aforismi e concetti generici e pre-masticati. Gli americani chiamerebbero il suo parlare (scrivere) “arm waving” cioe’ agitare le braccia senza dire nulla. Mah, sara’ forse che io sono cattivo…pero’ onestamente non sono riuscito a capire un fico secco di quello che pensa sull’Islam, i mussulmani e le religioni in genere. Mi pare che tirando le somme, abbia detto solo che si’, ci sono i mussulmani cattivi, quelli che “interpretano male” il Corano che pero’ lei non ha letto, ma quelli che lei conosce sono brava gente che lavora e non usa il burka e percio’ si sente di generalizzare che quasi tutti i mussulmani sono bravi, tranne quei pochissimi cattivi che non hanno capito il Corano.

    Mi rendo conto che in questo blog non c’e’ nessuno che voglia affrontare seriamente la questione piu’ importante sia per l’Olanda che per l’Europa, quella determinante per il nostro futuro ed il futuro della nostra cultura.

  61. Cristina Scrive:

    Caro Real Prophet,

    credimi, in questo blog ci sono anche persone di ampia cultura ma non è un blog sull’ Islam: è un blog sull’Olanda in generale. Per questo si chiama Blogolanda. Infatti il suo successo lo deve al fatto che in questi anni, come potrai vedere nell’archivio, ha toccato vari argomenti: dai viaggi, alla droga, alle curiosità, alla cultura ( mostre, libri, ecc.), stirie di italiani che hanno ottenuto successo nei Paesi Bassi grazie alla loro forza di volontà, creatività e grande sacrificio.

    Non si focalizza su un unico tema, come per esempio l’Associazione di Pim Fortuyn e Una via per Oriana.

    Comunque, quando ci sono state notizie politiche da comunicare, di qualsiasi parte fossero, sono state date; anche quella delle elezioni Europee a cui si era presentato Geert Wilders.
    Credo che questo sia il miglior modo di fare informazione.

    Tu “ti lamenti”del modo di discutere o piuttosto delle idee di Bianca. Ti assicuro che Bianca ha una vasta cultura; legge molto e di tutto.

    Se non vi trovate d’accordo non è poi un dramma; basta rispettarsi comunque e accettarsi. Questa è la base di ogni democrazia. Su questo mi pare che siate tutti e due d’accordo. Perchè entrambi criticate l’intolleranza, anche religiosa e la violenza, ( anche verbale, spero!).

    Per il resto chiudete il discorso, perchè mi pare che ‘litigare” non porti a nulla. Inoltre siete così diversi di idee che …non porterà MAI a nessun discorso costruttivo.

    Ciao, ciao,

    Cristina

  62. Real Prophet Scrive:

    Cara Cristina, ti ringrazio per le tue gentili parole e la precisazione sul blog. Ovviamente immaginavo quale era lo scopo del blog ma pensavo che, trattandosi soprattutto di un blog “olandese” avrei potuto dare un contributo e mettere in guardia su un reale pericolo che incombe sull’Europa a cominciare soprattutto sull’Olanda. Non a caso 4 persone di grande valore intellettuale olandesi si sono strenuamente battute per mettere in guardia la popolazione addormentata e indolente sul pericolo dell’Islam militante: due hanno dato la vita per questa missione, Pim Fortuyn ed il regista ed ideatore del film “Submission” assassinati per la vile mano di fanatici intolleranti e razzisti; la collaboratrice del regista (di cui purtroppo non ricordo il nome) ha dovuto fuggire negli Stati Uniti per poter non essere uccisa anch’essa e per la vigliaccheria dell’apparato politico olandese e il quarto, Geert Wilders, uomo di grande coraggio ed eloquenza, che instancabilmente cerca di aprire gli occhi degli illusi e degli ignavi, non solo in Europa ma in tutto il mondo, su di un prossimo futuro di devastazione intellettuale e la morte della liberta’ di parola e di espressione e della cultura millenaria europea ed occidentale in genere.
    Mi sono trovato di fronte ad una totale mancanza di preparazione neanche infinitesimale sull’argomento e mi domando dove sono vissuti i miei interlocutori fino ad ora. Quello che ho ricevuto sono state delle reazioni veramente infantili che mi fanno molto dubitare sulla loro preparazione intellettuale e su quello che tu dici ” una vasta cultura; legge molto e di tutto”. Beh, francamente non lo si capisce da quello che scrive.
    A questo punto, ti auguro buona fortuna con tutto quello che tu intraprendi ed anche ti auguro degli interlocutori acuti e, come piace dire in Italia, di “spessore”. Ti lascio con una esortazione: ascolta quello che dice Geert Wilders e non prenderlo come un esagerato o un esaltato. Have a good life.

  63. Cristina Scrive:

    Ho conosciuto Wilders di persona, avendolo intervistato e avendogli parlato a lungo; posso assicurare che è una persona molto gentile. Crede fermamente nelle sue idee ed ideali di giustizia e libertà di pensiero.

    Il problema è che dovrebbe esprimerle in un altro modo, con meno aggressività. Lui pensa che gli olandesi debbano riappropriarsi della loro cultura, che bisognerebbe occuparsi di dare più soldi per l’assistenza agli anziani e sanitaria, invece che investirli per esempio in scuole per soli bambini islamici ( in quanto dovrebbero frequentarle con gli altri bambini olandesi, per potersi meglio integrare); o per sussidi a persone ( anche olandesi) che non hanno voglia di lavorare. Ha tante idee giuste.

    Ma, ripeto, spesso provoca troppo e offende. E questo non è giusto.

    D’altra parte a che cosa serve se poi ti ammazzano? Appunto: non sei servito a nulla! Per cui sarebbe meglio “farsi capire” usando un altro linguaggio. L’ho detto anche a lui e mi ha dato ragione. Anche se ha ripetuto che secondo lui a volte è necessario “urlare” per richiamare l’attenzione su quello che si dice.

    E adesso…chiudiamo il discorso perchè credo che comunque ci siamo tutti spiegati bene e chiaramente. Ora è necessario passare alla pausa di rifelssione.

    Ciao a tutti,

    Cristina

  64. Cristina Scrive:

    Ho conosciuto Wilders di persona, avendolo intervistato e avendogli parlato a lungo; posso assicurare che è una persona molto gentile. Crede fermamente nelle sue idee ed ideali di giustizia e libertà di pensiero.

    Il problema è che dovrebbe esprimerle in un altro modo, con meno aggressività. Lui pensa che gli olandesi debbano riappropriarsi della loro cultura, che bisognerebbe occuparsi di dare più soldi per l’assistenza agli anziani e sanitaria, invece che investirli per esempio in scuole per soli bambini islamici ( in quanto dovrebbero frequentarle con gli altri bambini olandesi, per potersi meglio integrare); o per sussidi a persone ( anche olandesi) che non hanno voglia di lavorare. Ha tante idee giuste.

    Ma, ripeto, spesso provoca troppo e offende. E questo non è giusto.

    D’altra parte a che cosa serve se poi ti ammazzano? Appunto: non sei servito a nulla! Per cui sarebbe meglio “farsi capire” usando un altro linguaggio. L’ho detto anche a lui e mi ha dato ragione. Anche se ha ripetuto che secondo lui a volte è necessario “urlare” per richiamare l’attenzione su quello che si dice.

    E adesso…chiudiamo il discorso perchè credo che comunque ci siamo tutti spiegati bene e chiaramente. Ora è necessario passare alla pausa di riflessione.

    Ciao a tutti,

    Cristina

  65. Piero Scrive:

    Ehi ehi…! caro il mio Real prophet….!
    .io sono stato molto gentile e cortese,NEL NON CONTROBATTTERE I SUOI DISCORSI
    Ho letto i suoi thread e ho apprezzato la tua intellettualità e ne sono rimasto colpito.
    Come ho detto io non sono preparato su argomenti come ” l’ISLAM O LA STESSA BIBBIA “…ma quando leggo parole come queste da lei scritte….

    “. Quello che ho ricevuto sono state delle reazioni veramente infantili che mi fanno molto dubitare sulla loro preparazione intellettuale e su quello che tu dici ” una vasta cultura; legge molto e di tutto”. Beh, francamente non lo si capisce da quello che scrive. ”

    AL CONTRARIO DI QUEL CHE LEI PENSA,LA PERSONA IN QUESTIONE è MOLTO INTELLIGENTE E PREPARATA…
    Al contrario del sottoscritto che ha solo un diplomino di 3 anni di superiore…
    Io al contrario di qualsiasi altra persona che scrive su questo Blog, riconosce di essere una persona “ignorante” se mi si vuole concedere questo termine,non sono una persona educata ma questa volta farò un eccezzione..
    LEI CHI SI CREDE DI ESSERE ?
    CHI LE DA IL DIRITTO DI GIUDICARE LE OPINIONI ALTRUI?
    NON LE CONDIVIDERà,MA GLI ALTRI PER LEI COSA SONO?
    SOLO POVERI SFIGATI CHE NON SANNO UNA MAZZA ?
    IO FORSE ! ,MA NON LORO ….
    QUI IN QUESTO BELLISSIMO BLOG VIGE UNA REGOLA NON SCRITTA …
    SI RISPETTANO LE OPINIONI ALTRUI, CONDIVISIBILI OPPURE NO !! NOI LE RISPETTIAMO E LEI ?
    QUI NESSUNO DA DELL’INFANTILE AD UN’ALTRO ….PER QUEL CHE SCRIVE .
    Con questo la saluto, le auguro ogni bene possibile,
    ma mi auguro in futuro di non leggere più nulla di lei su questo blog…
    Buona girnata

  66. Real Prophet Scrive:

    Piero, non essere troppo umile. Tu sei una persona che vali. Mi dispiace se sono apparso presuntuoso e te ne chiedo scusa sinceramente. Quello che mi aspettavo dalla mia presa di posizione era solo una altrettanto chiara posizione. Evidentemente non ci sono riuscito. Pero’ prego tutti di credere nella mia buona fede e di rendervi conto che l’Islam e’ partito alla conquista dell’Europa e del mondo occidentale. Tenete gli occhi aperti ed una open mind.

  67. Cristina Scrive:

    Bene, sono contenta di quanto dici; mi sarebbe veramente spiaciuto che questa discussione fosse finita male.

    Ciao a tutti,

    Cristina

  68. Piero Scrive:

    Non c’è bisogno che lei chieda scusa…. io non condivido la sua opinione,ma la rispetto….
    Saluti.

  69. admin Scrive:

    Ecco un piccolo cambiamento di programma:

    Gent.mi Amici e Sostenitori,

    per cause non dipendenti dalla nostra volontà abbiamo dovuto rivedere il programma per la commemorazione dell’8 anniversario della morte di Pim Fortuyn.

    Ci sarà un solo appuntamento, quello per il 6 maggio e purtroppo con dispiacere annullato quello dell’8 maggio.

    Vi aspettiamo numerosi più che mai, data la presenza di alcuni relatori molto importanti ed il tema che si affronterà molto attuale.

    Vi alleghiamo sia il programma che l’invito a partecipare.

    Scusandoci ancora per il cambio di programma, rimaniamo in attesa di un Vostro gentile riscontro e nel contempo salutiamo cordialmente.

    Emanuela

    Ass.Cult. “Pim Fortuyn”

  70. elio Vergna Scrive:

    Ho letto quanto è stato scritto, devo dire che non concordo su molte cose. Da qui la mia decisione di scrivervi quanto state per leggere.

    È conosciuto che molti stranieri provenienti da paesi poveri sono in gran parte di religione mussulmana, hanno un basso livello di istruzione, e per chi avesse un diploma o una laurea spesso non ne e`riconosciuta l`equipollenza, dunque per vivere è costretto ad accettare dei lavori più semplici.

    So di discriminazioni, di licenziamenti e di durezza della vita, sono a conoscenza delle umiliazioni mal digerite, di ingiustizie patite, delusioni, e insuccessi finiti male, di diritti non raggiunti, e altro ancora.

    So di dolore sofferto nel cuore e nell`anima, so di nostalgia vissuta male, so di impossibilità di ritornare alproprio paese, so di fuga da lontane povertà estreme, guerre e violenze di ogni tipo, so di sogni infranti, so di quanta voglia di vivere affoga nel ritmo del lavoro che spesso molti piccoli impresari impongono alle proprie maestranze straniere, so di speranze deluse, so di facili irresponsabili ma convenienti licenziamenti utilissimi per la dittarella familiare, so di gravi sbagli di strategia commerciale fatti da improvvisati imprenditori locali conclusi drammaticamente con lo scarico verso protezioni sociali dei comunali, so di tagli ai sistemi sociali, e di gravi violazioni della privacy, e di gravissime intolleranze da parte degli addetti all`assistenza sociale, so di molte discriminazioni nelle assunzioni verso i cittadini musulmani disoccupati a favore di altri emigranti provenienti dai paesi della nuova Europa, forse piu`cattolici, e meno abituati a far valere i propri diritti .

    Ma non pensate che molta di questa gente abbia bisogno della propria fede per sopravvivere a questa vita difficile, allora ben vengano le moschee, le chiese per le varie confessioni, cosi come sono sorte nel tempo le nostre chiese e sinagoghe.
    Togliere queste possibilità e`togliere un diritto. Uno stato che si dice laico ha il dovere di poter dare la possibilità a chi vi risiede legalmente di vivere dignitosamente.

    Lo stato deve poter permettere a chi lo ritiene necessario per la propria vita, la possibilità di poter pregare e vivere in osservanza del proprio credo, sempre lo stato deve pretendere il rispetto delle proprie leggi, ma queste leggi devono essere garanti di libertà, devono comprendere sia i doveri, come i diritti, che uno stato che si dice democratico nella sua legislazione comprende, garantire, non discriminare, favorire integrazione, non differenziare l`integrazione, riconoscere il valore culturale portato dalla diversità, promuovendo azioni di conoscenza reciproca mirata ad un inclusione sociale, non l`esclusione con la conseguente ghettizzazione delle comunità o minoranze.

    In Olanda come in altri pesi occidentali arrivano per poter vivere meglio, sta allo stato regolare questo flusso emigratorio sta allo stato rispettare le leggi sui diritti umani emanate dalle nazione unite, e dai trattati internazionali (Europees Verdrag voor de Rechten van de Mens). http://conventions.coe.int/ (CEDU) dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell`uomo e delle libertà fondamentali, (il consiglio D’Europa con sede a Strasburgo, non e`da confondere con la Corte di giustizia dell`Unione Europea con sede in Lussemburgo, che sicuramente in merito ai diritti delle persone ha scritto qualche cosa di molto interessante…)

    In conclusione,
    Si deve arrivare a pensare delle soluzioni per risolvere le contraddizioni di questo paese, qui in Olanda come nel resto dell`Europa, gli stati nei loro parlamenti dovrebbero deve poter trovare un giusto equilibrio e, certi politici non dovrebbero percorrere la facile strada allarmista dell’epurazione sociale dei diversi. Scatenando cosi pericolosi conflitti, tra comunità.

    L `emigrazione nel dopo guerra ha fatto grande l’Olanda.
    L’Olanda di oggi cosi come quella di ieri dell`emigrazione ne ha bisogno come il pane che quotidianamente mangia.

    Dunque…bando alle facili paure. siamo reali giusti e coraggiosi.

    In Altre parole, spero che in questo paese cresca lucidamente nella gente la consapevolezza della situazione.
    Mi auguro non aumentino discriminazione, o altri privilegi legati a status di appartenenza. Che trionfi l`intelligenza sulla paura. La responsabilità sulle strategie di comunicazione, la consapevolezza, sull’incoscienza. La solidarietà sull’indifferenze gli e egoismi.
    E che le assurde guerre di religione siano relegate come monito ai posteri nel grande libro della storia.

    eVergna

  71. Cristina Scrive:

    Caro Elio,

    La ringrazio per questa testimonianza, di cui in effetti avevamo bisogno. Altrimenti si parla solo di fondamentalismo ed integralismo islamico senza toccare il lato umano della sofferenza di tanti immigrati; brava gente, che, appunto, come dice Lei, hanno alle spalle una vita di disagi e spesso drammi inimmaginabili.

    Queste persone vanno certamente aiutate; patiscono per la lontananza dal loro Paese, a volte sono rifugiati politici, e di sicuro non sperano altro che… di integrarsi.

    Sono pertanto d’accordo al 100% sulla sua lettera e penso che lo sarebbe stato anche Pim Fortuyn che criticava un altro tipo di persone; quelle che gettano discredito sui loro connanzionali, come la mafia per noi italiani, tanto per intenderci….

    Ha ragione anche quando dice che questa gente ha bisogno della propria fede per sopravvivere. Ben vengano quindi anche le moschee. Infatti in Olanda ce ne sono parecchie.

    Queste sono le persone a cui anch’io mi sento vicina e che vanno accolte a braccia aperte. Ribadisco che io combatto la violenza, da qualunque parte venga; non certo la bontà, l’umanità o religioni diverse dalla mia, se parlano di amore e di pace.

    La sua lettera è bellissima, giusta e commovente. Grazie di averla scritta e soprattutto di averla postata alla fine di una discussione che stava diventando sterile e priva di senso umano.

    Maria Cristina Giongo

  72. Giulia Scrive:

    Ho letto tutta la discussione. Si è partiti da Pym Fortuyn per arrivare a Theo Van Gogh, la libertà di espressione, Wilders e l’Islam. Pare che però una cosa sia sfuggita a chiunque sia intervenuto nella discussione. Ovvero: tutti questi turchi e marocchini in Olanda non ci sono venuti da soli. Sono stati INVITATI a venire qua dal governo olandese negli anni 70 perchè c’erano più posti di lavoro che persone. Bene: l’Olanda non lo sapeva fin dall’inizio che la maggior parte dei marocchini e dei turchi sono musulmani? Non poteva evitare di farne entrare cosi tanti fin dall’inizio, privilegiando europei e sudamericani se proprio aveva bisogno disperato di manodopera?
    Guarda caso rendendosi conto che sono islamici e volendo cacciarli solo adesso che c’è la recessione e che molti autochtonen hanno perso il lavoro.
    Vi invito a leggere questo libro, non parla dell’Olanda, però lo trovo particolarmente illuminante, tratta del legame tra apertura di una società e andamento dell’economia. http://www.amazon.com/Moral-Consequences-Economic-Growth/dp/0679448918

  73. Cristina Scrive:

    Esatto, Giulia! La tua analisi è molto profonda e profondamente vera.

    Questa discussione mi ha fatto capire di quanta cultura ed intelligenza siano dotati i lettori di blogolanda. Ce ne fossero tanti così!
    Ho letto pareri anche discordi ma tutti molto mirati e seri.

    In effetti, Giulia, DOPO gli olandesi si sono pentiti di aver lasciato entrare troppi stranieri, come forza lavoro ma anche per motivi umanitari; e quando la situazione è sfuggita di mano hanno provato a correre ai ripari! Ma in modo sbagliato, in quanto impreparati a questa emergenza.

    Cari saluti,

    Maria Cristina Giongo
    http://www.mariacristinagiongo.nl

  74. Giulia Scrive:

    Sinceramente credo poco ai motivi umanitari. Non credo che un paese pronto a cacciare i suoi cittadini (si perchè molti di loro hanno la nazionalità olandese, quindi pure se li cacciassero rischierebbero di non ottenere i permessi di soggiorno e di lavoro necessari per emigrare in Marocco o Turchia) alla prima recessione sia il massimo dell’umano.
    La cosa peggiore è che ultimamente si nota un clima di intolleranza non solo nei confronti dei musulmani, ma pure nei confronti della English-speaking community: ovvero tutti quegli stranieri, spesso bianchi e cristiani o atei, di alto livello culturale e provenienti da famiglie benestanti che parlano un inglese fluente ma, stando qui da poco, parlano un olandese al massimo a livello intermediate (tra cui molti italiani). Persone che sono venute a lavorare nelle multinazionali o a studiare nelle università olandesi. Che se perdono il lavoro vengono guardate dal recruiter d turno come ladri o barboni, le cui domande di iscrizione alle liste delle case popolari vengono misteriosamente perse. Che dopo aver contribuito per qualche anno alla ricchezza della società olandese (altro che kosten van de allochtonen!! questo tipo di stranieri ha un tenore di vita molto superiore a quello degli autochtonen, basti pensare che affittano le case piu costose nei quartieri migliori, spesso possiedono un automobile, se hanno figli li mandano alle private, comprano vestiti di marca invece che di seconda mano, escono nei locali piu in e spendono molto di piu) vengono di colpo viste come “invasori che ci rubano il lavoro”. E pensare che un economia olandese senza multinazionali e senza commercio con l estero andrebbe totalmente in fallimento.
    Purtroppo l’ “esuberanza irrazionale” degli anni passati dovuta a una falsa illusione che l’economia sarebbe sempre cresciuta, che ha spinto l’Olanda a fare entrare chiunque, prendendo troppe persone, organizzando male le politiche di integrazione lasciando che si formassero tante comunità non integrate tra loro, ora ha lasciato il posto a una paranoia altrettanto irrazionale. Che spinge a vedere l’allochtoon come un invasore, lo straniero come un nemico che ruba il lavoro. E la cosa che mi preoccupa di piu e che a fare le spese di tutto questo (nonostante Pym Fortuyn non l’avrebbe mai permesso, visto quanto amava l’Italia) saranno pure gli italiani che vivono e lavorano (o studiano e vogliono lavorare onestamente) in Olanda, che amano il paese, che vogliono integrarsi e che hanno l’unico difetto di non essere riusciti a impararsi l’olandese alla perfezione in 2 anni, ma stanno ancora a un livello intermediate.
    Purtroppo in Olanda non c’è un problema solo di Islamofobia, ma di xenofobia in generale.

  75. Bianca Scrive:

    Cara Giulia,
    quello che lei dice a me non è sfuggito, lo so molto bene e concordo: ma lei capisce bene che non si può discettare profondamente di siffatti argomenti in questo modo, a scapito del tempo e per essere attaccate/i da profeti più o meno reali.
    Concordo anche con il signor Vergna, che conosco personalmente.
    Faccio prima in tempo a scriverci un libro, anzi, lo faccio.

    Complimenti per la sua analisi, poi a Elio ho già scritto.

    Auguri a Piero per il compleanno e buona domenica.

  76. R. Hofkamp Scrive:

    It is heartwarming to see that our dear Professor Pim will not be forgotten in Italy. And it is not a coinsidence that he wanted to be burried in Italy, you live in a wonderful country. My interest in politics started when this man entered Dutch politics. He used to be a professor in sociology at the University in Groningen, and that is one of the main reasons why I started my sociology study right there, two years ago. The Dutch (mostly socialist) media described him as populist, the socialist Marcel van Dam (terrible man) even compared him to Eichmann. But the truth is, this man was a professor who saw the devastating results of mass-immigration compared with socialism. He stood up against the filthy socialist elite and was therefore a threat to that same elite. Socialist prime-minister Wim Kok was too late with giving Fortuyn the security he needed and I will never forgive him that. Let us all keep his heritage alive and may some day someone stand up to continue the battle Fortuyn was never able to complete. Loquendi libertatem custodiamus.

  77. Francesco GuidOlanda Scrive:

    Il 19 febbraio l’Associazione culturale Pim Fortuyn italiana celebrerà l’anniversario della sua morte.

    Vi invito a leggere le belle parole che hanno scritto nell’articolo presente sul loro sito ufficiale consultato il link

  78. admin Scrive:

    Venerdì 6 Maggio 2010 l’Associazione culturale italiana Pim Fortuyn celebrerà l’8° Memoriale a PROVESANO di PORDENONE

    Ecco il Programma:
    – Ore 18.00 presso il Cimitero di Provesano: “Un ricordo per Pim…..”
    Pim Fortuyn verrà ricordato con una cerimonia commemorativa per non dimenticare quest’uomo considerato ormai un “martire della libertà”
    – Ore 19.00 Incontro con l’Associazione Culturale “Pim Fortuyn Foundation”

    “L’OSTRACISMO NEI CONFRONTI DI UN UOMO RITENUTO PERICOLOSO PER LE SUE IDEE”

    Per informazioni: “Pim Fortuyn Foundation” e-mail info@pimfortuynfoundation.it

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline