Lo stadio Ajax, un enorme vascello bianco

 lo stadio Ajax

La storia di questo stadio come sempre riverbera lo stile del “fare”olandese.
Amsterdam era stata una delle sei città che si era offerta di ospitare le Olimpiadi del 1992.
Nel 1986, era stato già progettato un nuovo stadio olimpico con un campo da calcio e una pista di atletica che doveva essere costruito nella zona Strandvliet di Amsterdam sud-est.

E così, quando Amsterdam perse la gara a favore di Barcellona, accaddde che i piani per il nuovo stadio vennero abbandonati; ma nel 1987, la Fondazione Amsterdam Sports City istituì i piani per un nuovo stadio con una capacità di 55.000 posti a sedere, poichè l’Ajax aveva ugualmente bisogno di un nuovo stadio dato che il vecchio stadio “De Meer”, non aveva più sufficiente capacità .
Nel 1990, sulla base di entrambi i modelli precedenti, venne fatto un nuovo disegno con un campo da calcio e una pista di atletica tutto completamente coperta da un tetto.
Ancora una volta, il disegno venne modificato – la pista di atletica rimossa dal progetto, la capacità ridotta a 50.000 posti; e il tetto fisso sostituito da uno retrattile.
Nel 1992, il governo di Amsterdam autorizzò i piani per il palco con un Transferium dove la gente poteva trasferirsi dalla loro auto a varie forme di trasporto pubblico. Nel 1993, il governo di Amsterdam cambiò il piano di sviluppo della posizione e diede il permesso di costruire.
Lo stesso anno, il 26 novembre 1993, è stata posta la prima pietra delle fondamenta.

I lavori di costruzione, affidati alle le due maggiori compagnie olandesi di grandi costruzioni e ingegneria Ballast Nedam e Royal BAM Group, sarebbero durati quasi tre anni. ….E difatti, il 24 febbraio 1995, tre anni dipo, è stato raggiunto il punto più alto con la costruzione del tetto retrattile che ha causato alcuni problemi all’inizio: i rotoli di erba non attecchivano a causa dell’ombra del tetto e inizialmente han dovuto essere sostituiti fino a quattro volte l’anno.

L’Amsterdam Arena è stato ufficialmente inaugurato solo quattro anni dopo, il 14 agosto 1996 dalla regina Beatrice.
Per l’occasione dell’inaugurazione ci furono festeggiamenti da invidiare l’inaugurazione dei giochi olimpici: per la cerimonia di apertura Trijntje Oosterhuis ha cantato l’inno al mare, un inno composto da Giovanni Ewbank; una torcia ha bruciato per otto giorni; 375 corridori hanno attraversato l'”Olanda percorrendo oltre 1.400 chilometri fino ad arrivare nel nuovo stadio Amsterdam Arena: il primo è stato Johan Cruijff l’ultimo è stato Frank Rijkaard. Dopo di che è stato aperto il tetto, ed è stata giocata una partita di calcio inaugurale tra Ajax e Milan.

Lo stadio Ajax ai miei occhi si presenta come un enorme vascello bianco circondato prima da piazze con erba o selciato pedonale e poi circondato da negozi, locali dove bere e mangiare, ristoranti, e di nuovo ancora tanto spazio e infine grattacieli adibiti ad uffici. 
Sabato i grattacieli si svuotano e si fa posto ad una diversa economia: famiglie, ragazzi, coppie e gruppi; difatti nello stadio, nonostante siano state rivolte numerose critiche all’acustica dell’impianto, i concerti musicali sono molto frequenti.
Si sono esibite all’Arena star internazionali della musica come Michael Jackson, Tina Turner, David Bowie, Bon Jovi, Eminem, Robbie Williams, André Hazes, Red Hot Chili Peppers, The Rolling Stones, Céline Dion, U2, Metallica e Madonna.
Ogni anno, nel mese di luglio, si tiene il Sensation White (in cui si esibiscono dj house e trance); una notte di musica bellissima che richiama giovani da tutta Europa.
Ora non più, ma negli anni passati una settimana dopo si teneva il Sensation Black, alla cui consolle si susseguivano i maggiori dj del panorama hardtrance, hardstyle e hardcore. Il 10 luglio 2010 si è inoltre tenuto il decimo anniversario della Q-dance (una vera Fabbrica di eventi di qualità sonora, specialmente del genere hard: hardstyle, hardcore, hardtrance). Erano presenti migliaia di persone da tutto il mondo che hanno assistito a questo evento esclusivo, che ha riassunto in toto la filosofia “Q-DANCE” e i 10 anni finora passati.
Insomma lo stadio ArenA è molto più di uno stadio per partite di calcio: è una piazza di 170 m2 .

“Sensation White’ svuota le strade e le piazze della città…. Non e’ turismo buono per lavoro per me… ” dice anche Abdullah”, in arte Maradona, il palleggiatore acrobatico algerino che due giorni fa, finalmente, ha ottenuto la cittadinanza olandese, e ora, col passaporto olandese, può girare tutto il mondo…
“Anche Giappone”.

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

 lo stadio Ajax

Tag: , ,

Un Commento a “Lo stadio Ajax, un enorme vascello bianco”

  1. Nicola falcioni Scrive:

    Molto interessante la storia e belle le foto.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline