Amsterdam, una bella gita e la mostra di Van Gogh

Amsterdam un Pupazzo che fuma

Eccovi la nostra cara Cristina, che ci delizia ancora una volta assieme ad Hans con delle splendide foto della loro gita ad Amsterdam. Mi sento di dire che sono 2 ragazzini che amano divertirsi e svagarsi cogliendo quello che la vita ci può offrire di più bello e sfumato: Hard Rock Caffè, gite in battello per i canali, passeggiate spensierate tra le stradine.
C’è sempre da scoprire qualcosa di buffo nella metropoli olandese, come un omino per terra che si fuma una canna o l’intervento della polizia per riesumare un intero gabinetto pubblico buttato in un canale !

Nel corso della mostra di Van Gogh, neanche la forza bruta di Hans è riuscita a staccare Cristina da quei dipinti che lei stessa definisce un sogno e intisi di un colore cosi’ forte e malinconico da arrivare dritto al cuore.

Non perdetevi i preziosissimi consigli pratici sui parcheggi ad Amsterdam. Non seguirli potrebbe costarvi caro se per caso vi viene in mente la strana idea di arrivare e girare nella capitale olandese in auto.

Ma vi lascio al suo racconto:

Cari amici di Blogolanda,

finalmente domenica siamo andati a vedere la famosa mostra di Van Gogh ad Amsterdam, intitolata “I colori della notte“. Molto bella! Non mi staccavo più dal quadro ” La notte stellata”, arrivato fresco fresco da NewYork ( dove farà ritorno a metà giugno ).
Canale 5 lo usa come sfondo per spot pubblicitari, ma visto dal vero è un’altra cosa! Una vera emozione.
Le atmosfere notturne di Van Gogh sono un sogno, con quelle stelle gigantesche che sembrano fiori, le casette contadine, quei colori forti ma anche malinconici che ti arrivano dritti al cuore. Hans ha dovuto portarmi via a forza …altrimenti sarei ancora lì.

Usciti dal Museo ci siamo fatti un gigantesco panino all’Hard Rock Caffè, con birra per Hans e patatine fritte per me. E poi la classica gita in battello per i canali ( per la modica cifra di 12 euro.) Dopo ancora un giretto per le varie stradine laterali dove ho fotografato l’omino per terra che si fuma una canna; un cannone direi! Buffo! Invece l’orsetto faceva le bolle di sapone, come potrete vedere nella foto. Questa è Amsterdam: una contraddizione unica! Qualcuno aveva gettato un’intero gabinetto pubblico…in acqua, per cui ho fotografato anche l’intervento della polizia.

E ora alcuni consigli pratici: prenotate i biglietti per la mostra online, per evitare code come quelle che ho ripreso nella foto. Per questa mostra ci sono degli orari di entrata precisi, a blocchi. Noi abbiamo scelto dalle 12.00 alle 13.00. Questo vuol dire che dopo le tredici se avete questo tipo di biglietto non vi fanno entrare. Ma dopo potete stare nel museo quanto volete.
Consiglio di ascoltare la visita guidata con le cassette registrate, che vi daranno all’ingresso; sono gratis e apprenderete molte cose interessanti sui quadri che vedrete ed il loro autore. Nel negozio di souvenir ci sono tante cose carine e libri interessanti. Il bar invece non è niente di speciale. Meglio bere il caffè in città.

Infine una notizia importante: ABBIAMO TROVATO UNA SOLUZIONE PER IL PARCHEGGIO.
Con soli 6 euro potete parcheggiare la macchina per tutto il giorno e viaggiare gratis con i mezzi pubblici ( o con biciclette che lo stesso parcheggio mette a disposizione) se la mettete nei parcheggi chiamati P+R. Ce ne sono 5 del genere: Sloterdijk, Olympisch Stadion ( vedi foto ), Arena A, Zeeburg e Bos en Lommer. Noi abbbiamo scelto quello dello stadio olimpico, perchè è vicino ai musei.

Dopo aver parcheggiato siamo andati ad uno sportello vicino all’uscita, dove ci hanno dato 2 due biglietti per i mezzi pubblici. All’uscita abbiamo attraversato la strada e abbiamo preso il tram numero 16. Dopo 4 o 5 fermate eravamo già nella piazza dei musei. E’ MOLTO IMPORTANTE che timbriate i biglietti o usando l’apposita macchinetta o facendoveli timbrare dal conducente. Infatti alla sera, al ritorno nel parcheggio, dovrete mostrare i biglietti TIMBRATI ( quindi è un’operazione da fare per tutti i tram o autobus che userete, anche al ritorno) e solo allora pagherete soltanto sei euro per la macchina. Insomma, abbiamo parcheggiato l’auto una giornata intera, viaggiato con i mezzi pubblici gratis e speso solo 6 euro in totale ( in due!).
E’ una splendida inziativa per incentivare i cittadini a girare la città servendosi dei mezzi pubblici e non della macchina.
Se invece parcheggiate senza usufruire di questa possibilità ricordatevi che ad Amsterdam sia i parcheggi ( 5 euro all’ora) che i mezzi pubblici sono molto cari. Per una giornata così potreste spendere anche 40 euro! Invece di sei!

Allora buon viaggio a tutti quelli che si apprestano a partire per l’Olanda e buon divertimento.

Hans e Cristina

Maria Cristina Giongo

Le foto di seguito riportate sono di Maria Cristina Giongo (http://www.mariacristinagiongo.nl).
E’ proibita la diffusione se non citando l’autore ed il sito di provenienza (www.blogolanda.it).

amsterdam 1001 nights

amsterdam battelli incrociano

amsterdam battello blu rosso

amsterdam bici accese

amsterdam canale ponti

Amsterdam cartina 5 parcheggi economici

Cartina dei parcheggi P+R (con segnati i mezzi pubblici da prendere per raggiungere la città in un ‘ora)

amsterdam case battelli

amsterdam case tipiche

amsterdam coffeshop siberie

Coffeshop Siberie

amsterdam houseboat

amsterdam indirizzi parcheggi a 6 euro al giorno

Indirizzi dei parcheggi a 6 euro al giorno

amsterdam mikes bike tour

amsterdam nemo museo scienze

Il famoso NEMO…per chi ha letto la storia di Cacciavillani, eh, Simone????

amsterdam parcheggio economico

Amsterdam, il parcheggio dove si può lasciare l’auto pagando solo 6 euro al giorno

amsterdam ponte aperto

amsterdam ponti bici

amsterdam pupazzo che fuma

amsterdam scheepvaart fronte

amsterdam sette ponti

I famosi sette ponti uno in fila all’altro

amsterdam souvenir tinkerbell

amsterdam toilette pubblica in acqua

La polizia interviene perchè qualcuno ha buttato un’ intera toilette pubblica…in acqua!

amsterdam van gogh museum fila

La fila davanti al Museo Van Gogh, per cui è meglio prenotare i biglietti via online

amsterdam woonbootmuseum lato

hans in battello

Hans in battello

hans che beve

Hans in un locale che beve

Tag: , , , , , , , , ,

4 Commenti a “Amsterdam, una bella gita e la mostra di Van Gogh”

  1. Piero Scrive:

    Un paip di foto che hai postato le avevo scattate anch’io….VOGLI I DIRITTI !!! ..ehehehee
    Scherzi a parte…interessante il tuo articolo e soprattuttto sarà molto utile ,anche se io ad amsterdam ci andrò in aereo e non in macchina….ad ogni modo andrò a visitare sicuramente la mostra e per i biglietti ci penserò al momento giusto..
    P.s. visto che eri ad amsterdam,mi sarei aspettato delle news per quanto riguarda la sua situazione di coffe evetrine,visto che a pensarci bene è un bel po’ di tempo che non se ne parla e che non si hanno notizie al riguardo…vedrò io di informarmi quando andrò su….

  2. cristina Scrive:

    Caro Piero,
    la situazione è rimasta immutata, a quanto puoi vedere da una foto in cui si vede un coffe schop.

    Avere i diritti delle foto o di un articolo, se li dai gratis, per un giornalista regolarmente iscritto all’albo, significa che nessuno può diffonderle senza il suo permesso.

    Io scrivo gratis, per hobby (e perchè se lo merita), SOLO per Francesco.

    Per il resto ho fatto questo lavoro sempre a pagamento, perchè è sempre stato il mio lavoro. Se l’avessi fatto tutta la vita gratis che cosa avrei mangiato?

    Ovviamente ora che sono freelance e non più fissa, scrivo meno; per questo dò lezioni d’italiano.
    Per cui adesso dare lezioni è diventato il mio lavoro principale. Poi scrivo articoli. E libri. Ma con i libri non guadagni nulla; allora lo devi fare solo se ci credi, se vuoi inviare “un messaggio”, proporre una causa. Non certo per il guadagno!

  3. Francesco GuidOlanda Scrive:

    Cristina ha scritto:
    Io scrivo gratis, per hobby (e perchè se lo merita), SOLO per Francesco.

    Sono infinitamente grato a Cristina e soprattutto onorato del contributo davvero prezioso di una giornalista di cosi’ alto livello come lei

  4. Piero Scrive:

    Cri..guarda che io avevo fatto una battutina x farsi una risatina ,mica per altro.
    P.s. oggi volevo sentire loria,ma non sono riuscito a contattarla il che è strano…sono un tantino preoccupato…

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline