Monique Sluyter, l’olandese anti-ruby

Monique Sluyter, l'olandese anti-ruby

Tanta clamore mediatico su Ruby e Berlusconi.. ma adesso è il turno dell’anti-ruby.. è così che l’ha chiamata la nostra Cristina Giongo che ha scritto un articolo su Libero del 04/02/2011 (in copertina e a pagina 7 dell’edizione di Milano).
Qui ci parla della presentatrice e bellissima fotomodella olandese Monique Sluyter che ebbe la possibilità di conoscere il premier negli anni 80, quando aveva solo 18 anni.

In quel periodo Monique strinse dei rapporti di amicizia con Berlusconi e fu invitata a diverse cene ad Arcore, ma quello che racconta nell’articolo è il rispetto ricevuto.. parla di un comportamento da gran signore.. inoltre lo definisce come persona molto simpatica e dotata di grande senso dell’humor..

In Olanda e’ rimasta molto stupita nell’apprendere quello che è accaduto.. secondo il suo parere.. si tratta di belle donne senza scrupoli che vogliono approfittare della sua ricchezza anche per beneficiare di popolarità e visibilità.

Se Monique è arrivata ad essere così stimata lo deve al programma televisivo fortunato che approdò in quel periodo persino in Germania.. fatto partire da chi oggi è il nostro Presidente del Consiglio..

L’articolo termina riportando la convinzione di Monique, secondo cui, ci sono solo dei maligni in giro e ringranzia ancora il cavaliere per averla aiutata nella sua carriera, spinto dalla sola e genuina generosità, e senza chiedere davvero nulla in cambio..

Trovate il testo integrale nella versione digitalizzata online di Libero.

Di sicuro Monique dice il vero, credere il contrario non ce ne sarebbe il motivo visto che anche lei potrebbe usufruire del momento per sparlare, tanto meno recentemente ci sono stati dei contatti tra la fotomodella e il premier, ma allora che cosa sta accadendo oggi ? Berlusconi è cambiato o davvero si parla a sproposito con l’unico scopo di farlo cadere ?

Tag: , ,

16 Commenti a “Monique Sluyter, l’olandese anti-ruby”

  1. serpe Scrive:

    io condivido in pieno quello che oggi dicono in molti
    ( povero cavaliere )
    tutte queste feste
    ( e tutte queste ragazze che lo fregano )
    quindi propongo una sorta di cintura di sicureza
    ( intorno al cavaliere )
    basta belle ragazze intorno a lui, dora in avanti solo bruttone e vecchiacce
    ( cosichè lui non cada in tentazzione
    (e venga nuovamente fregato da ste bestiacce cattive, che usano i loro corpi avvenenti per derubare il povero cavaliere )
    p.s.
    cari giudici
    per i delinquenti
    ( ponete sentenze tutte in sieme )
    per altri tipi di delinquenti
    ( separate le varie cause per ammorbidire la pena )
    poi con tale spezzatino ( concussione )
    poi altra causa per bla bla e cosi via, state dicendo che se il cavaliere compie un crimine
    ( che neanche la sua posizione di premier lo tutela in tali reati )
    ci pensate voi
    ( determinando interpretazione malevolmente
    tale spezzatino ( nei reati commessi dal cavaliere )
    per poi porre che in tutti ( reati commessi dal cavaliere )
    solo ammenda ( e due denari di pena )

    mentre se un cittadino ( It )
    compie tali scempi ( droga, induzzione alla prostituzione minorile, coercizione di povere ragazze in età non consona per capire la gravità di quello che il premier gli ha posto come immagine e altro per il loro futuro )

    i giudici in tale logica pongono tali soggetti al rito ( immediato ponendo tutte le varianti del caso, ponendo quindi per una soluzione di pena giusta, delinquente cronico = pena detentiva di anni 20 )
    più sputtanamento di tale soggetto ( mas media )
    pedofilo

    quindi come dico sempre
    la legge in questo paese ( It )
    è posta in modo malevolo da
    parte dei
    giudici
    che con la scusa di ( interpretarla )
    cambiano in modo
    ( sogettivo il dato di giudizio finale )
    ponendo di volta in volta
    non ( vera giustizia, ma quello che più gli fa comodo a tali sacenti giudici )
    creando nella gente una sorta di ( i giudici sono dei delinquenti )
    cosa ne pensate voi carissimi giudici ( ? )
    cordiali saluti
    da
    serpe
    esportiamola questa
    democrazia
    ordunque
    ciao..

  2. claudio Scrive:

    “Berlusconi è cambiato o davvero si parla a sproposito con l’unico scopo di farlo cadere ?”..
    Seguo con piacere il tuo blog da un po’ di tempo dato che vivo attualmente in Olanda (Rotterdam)..dopo aver letto quest’ultimo post sono molto perplesso..mi domando come possano venire ancora oggi certi dubbi..la questione italiana mi è nel cuore e la vivo pienamente, anche da lontano..mi trovo abbastanza informato sulla questione “nano malefico” e mi preme sottolineare il fatto che non è che si “parla a sproposito di lui” ma che ci sono una serie di fatti giudiziari rilevati che portano con molta facilità a capire chi è silvio berlusconi..per cui dico non continuiamo a sollevare dubbi su chi è e cosa ha fatto e fa silvio berlusconi..per favore!!!

  3. Francesco GuidOlanda Scrive:

    Ciao Claudio.. sono Guidolanda che cura questo blog.. grazie per la tua attenzione e per seguire BlogOlanda..

    Posso comprendere il tuo disagio di Italiano nel sentire tutto quello che da lontano si sta dicendo del Premier.

    Il mio dubbio piuttosto nasce dal fatto di capire le motivazioni di questo articolo di Cristina.. perchè mai Monique Sluyter dovrebbe difendere Berlusconi ?

    Hai espresso le tue considerazione più che legittime.. ma esistono anche altri punti di vista (e anche questi devono potersi esprimere.. e possono anche non corrispondere con le mie considerazioni personali) come quello che vedono ad esempio un’esagerazione dei magistrati forse nello svolgere l’attività delle proprie funzioni

  4. pasquale Scrive:

    Il solo scopo di queste notizie è il apparire e non il essere, in Italia abbiamo altri più gravi problemi……la credibilità.

  5. claudio Scrive:

    Caro GuidOlanda va bene i diversi punti di vista ma non il prosciutto negli occhi..per chi segue con una certa attenzione le vicende del nostro PdC da vecchia data e non solo in seguito alle ultime male fatte, sa bene come già negli anni ’80 il bunga bunga la faceva da padrone in casa B. insieme agli amici Marcello e Bettino..

    31 dicembre 1986 l’allora imprenditore Silvio Berlusconi parlava con il suo dipendente Marcello Dell’Utri di donne e dell’allora leader socialista e presidente del Consiglio Bettino Craxi:

    Berlusconi: Marcello, iniziamo male l’anno!
    Dell’Utri: Perché male?
    Berlusconi: Perché dovevano venire due ragazze di “Drive In” che ci hanno fatto il bidone! E anche Craxi è fuori dalla grazia di Dio!
    Dell’Utri: Ah! Ma che te ne frega di “Drive In”?
    Berlusconi: Che me ne frega? Poi finisce che non scopiamo più! Se non comincia così l’anno, non si scopa più!
    Dell’Utri: Va bene, insomma, che vada a scopare in un altro posto!
    Berlusconi: Senti, dice Fedele [Confalonieri] che devi sacrificarti (…). Devi venire qui!
    Dell’Utri: No, figurati!
    Berlusconi: Purché le tette siano tette! Truccate soprattutto bene le tette! (…) Grazie, ciao Marcellino!
    Dell’Utri: Un abbraccio, anche a Veronica. Ciao!
    Berlusconi: Anche a te e tua moglie, ciao.
    (telefonata intercettata dalla Guardia di Finanza sul telefono della villa di Arcore – dove Berlusconi festeggia il Capodanno con Fedele Confalonieri e Bettino Craxi – in un procedimento per bancarotta a carico di Marcello Dell’Utri. Milano, ore 20.52 del 31 dicembre 1986)»

    Passati più di vent’anni notiamo in questo campo una certa coerenza del Cavaliere. Allora le ragazze arrivavano da Drive In, oggi da Colorado Cafè o altri programmi Tv.

    No ma la Monique allora andava a fare solo caste cene…La credibilità delle affermazioni di questa ex-velina è pari a zero…

    Chiunque può trarre liberamente le proprie conclusioni..

  6. Cristina Scrive:

    Ragazzi, voglio precisare una cosa.

    Ho parlato con Monique che mi è parsa veramente sincera. NON HO ESPRESSO IL MIO PARERE PERSONALE in quanto una vera giornalista PROFESSIONISTA NON LO DOVREBBE MAI FARE!!!!!! E non credo che importi un granchè che cosa il giornalista pensa del fatto che riporta….

    Io faccio il mio lavoro; di raccontare I FATTI. La scelta di LIBERO come giornale per la pubblicazione dipende dal fatto che è l’unico che l’ha accettato; se lo avesse voluto un giornale di sinistra per me sarebbe stato uguale. La verità è sempre la verità, da qualsiasi parte venga!

    Ribadisco il fatto che io ho raccolto una testimonianza che mi è capitata veramente per caso. Una conoscenza avvenuta via una giornalista olandese del settimanale Privè; quindi NON un’ intervista preparata.

    Se Berlusconi è stato con una minorenne deve pagare questa colpa come chiunque abbia rapporti con una minorenne; questo è chiaro!

    Ma Monique si riferiva a tanto tempo fa, quando lui evidentemente non si era montato la testa con il potere e i soldi….Ed era ancora sposato! Ognuno ne tragga le conclusione che vuole. Il testo INTEGRALE dell’intervista lo pubblico stasera nel mio giornale online http://www.ilcofanettomagico.it, di cui Francesco è il direttore tecnico. Con due foto che mi ha dato lei; molto belle.

    Cari saluti a tutti,

    Maria Cristina Giongo

  7. Francesco GuidOlanda Scrive:

    Grazie Cristina per il prezioso contributo

    Ecco l’articolo sul cofanetto magico: Grazie a Berlusconi ho fatto carriera in Italia: ma non mi ha mai toccata con un dito

  8. claudio Scrive:

    Terrei a precisare che lei non racconta i fatti dato che non credo che fosse presente alle cene della Monique a casa berlusconi..o sbaglio?!Semmai si limita a riportare delle parole di una alquanto poco attendibile signora senza un minimo riscontro dei fatti..Io non sono un giornalista ma penso che chi facca il giornalista debba pubblicare informazione con riscontro materiale..magari mi sbaglio..

    Poi mi scusi ma dire “Ma Monique si riferiva a tanto tempo fa….Ed era ancora sposato!” come se il fatto che Berlusconi fosse sposato possa dare un minimo di credibilità alla sua persona..dai..questo la dice lunga sul valore del suo articolo..

    E soprattutto mi spiace per lei che ad accettare di pubblicare la sua intervista sia stato, guarda caso, solo LIBERO, il leader della disinformazione..

    Non me ne voglia a male ma mi creda siamo al limite dell’indignazione..non ne possiamo più..di lui e dei suoi sudditi senza dignità.

  9. pasquale Scrive:

    Bravo Claudio,

    io sognatore, ho sognato di sognare un mondo migliore.

    Tenco diceva VEDRAI VEDRAI……….un giorno cambierà.

  10. Cristina Scrive:

    Caro Claudio,

    grazie per il tuo commento, gentile nonostante il dissenso che capisco benissimo. Anch’io avrei detto lo stesso.

    E’vero, io non ero presente alle cene dove c’era Monique; ma il fatto che l’ho intervistata “senza preavviso”, senza che neanche potesse immaginare che cosa volessi chiederle, mi fa pensare che lei sia stata sincera.

    Sono giornalista da più di 30 anni ( guarda il mio sito http://www.mariacristinagiongo.nl) e oramai ho sviluppato un sesto senso per le bugie e le storie inventate.

    Io voglio solo raccontare i fatti come mi vengono riferiti.
    Lei mi ha detto che nel periodo in cui lei e le sue amiche olandesi hanno lavorato per Berlusconi, lui NON ha mai alzato un dito o fatto proposte verso di loro. E io l’ho riportato.

    I giornali di sinistra sono molto chiusi a collaborazioni esterne;ci lavorano solo le persone che vogliono loro. Questo articolo non lo avrebbero mai preso, anche se convinti della sua sincerità.

    D’altra parte io non voglio legarmi a nessuna testata, per cui rimango freelance. Scrivo per Libero perchè sino ad ora non ha mai toccato i testi dei miei articoli.

    Quando è successo, per esempio in un settimanale di grande tiratura, in Italia, ho bloccato l’uscita del mio pezzo. Per il quotidiano ” Il giornale ” non scrivo più dopo una feroce litigata con un collaboratore e nessun intervento da parte dell’attuale direttore.

    Arrivata a questa età posso anche permettermi di mandarli al diavolo.

    Comunque “Il Giornale”, pur essendo della famiglia di Berlusconi, a volte mi sembra il più accanito nei suoi confronti…

    Trovavo la storia di Monique interessante perchè mi sembrava credibile; ma come dice lei “si tratta solo della sua testimonianza riferita a quei tempi; quello che è accaduto dopo lei non può dirlo”. E neppure io, come giustamente sottolinei tu!

    Però…hai sentito la storia di quella tale Nadia Macrì ad Anno Zero?
    Ha detto che Berlusconi “aspettava le ragaze, completamente nudo in una camera ed ogni cinque minuti ne faceva entrare una per soddisfare le sue voglie ed avere un rapporto con lei…” 20 ragazze! Ma ti rendi conto?

    Tu ci credi? Tu ce la faresti ad avere 20 rapporti sessuali o anche la metà ogni cinque minuti????? Ma neanche se prendessi una confezione gigante di viagra ( per poi morire di infarto dopo mezz’ora)!!!!!!! Tenendo poi conto che lui ha 74 anni e che lavora 14 ore al giorno, penso che questa qui sia matta da legare o molto bugiarda.

    Che poi in Italia si viva solo di questo e di questo tipo di gossip invece di parlare di altri problemi gravissimi …non so che dire. Spesso devo scrivere quello che la gente vuole leggere; questo mi permette di poter dare, poi, altre informazioni. Di scrivere una serie di dossier sulla pedofilia, per esempio, per combattere questo crimine orrendo. E anche un mio “giornale online” che sia libero.

    Tra l’altro non credere che i quotidiani paghino bene; io vengo retribuita 70 euro per pezzo, giusto perchè vivo all’estero ed i miei articoli devo pure tradurli nella mia lingua ( visto che faccio le interviste in olandese). Di questi 70 euro le tasse olandesi me ne portano via 30.

    Comunque rispetto le tue idee e ti assicuro che, come giornalista, mi documento sempre, per quanto possibile, su ciò che scrivo. Contenta poi se i lettori come te, quando NON lo condividono, mantengono il loro giusto sfogo su un piano di discussione intelligente, come hai fatto tu ora.

    Ciao,

    Cristina

  11. claudio Scrive:

    Cara Cristina,

    diamo per buono il suo sesto senso sulla sincerità di Monique, anche se lei sa benissimo che non è corretto basare l’informazione verso gli altri sul proprio sesto senso, sarebbe corretto adoperarlo per le proprie “scelte” cosi da assumersi la responsabilità di un eventuale errore di valutazione del proprio sesto senso.
    Si immagini un’analista finanziario che sulla base del proprio sesto senso, frutto di una lunga esperienza, venga da lei e le dica “Investa sull’azienda Alfa”…Mi domando: è o non è scorretto non dirle che la valutazione, dell’azienda Alfa, da lui fatta si fonda solo sul suo sesto senso?! Capisce che, non avvertendola su come è giunto a quella valutazione, le toglie la libertà di decidere lei il valore dare a quell’informazione?!

    Comunque, ripeto,diamo per buono il suo sesto senso.
    Allora mi domando perchè lei decide di raccogliere questa testimonianza?
    Io non vedo un’utilità di informazione per il pubblico che si informa, cioè proprio non capisco l’attinenza con tutto ciò che sta accadendo. Una risposta però la trovo, quando dice “Spesso devo scrivere quello che la gente vuole leggere; questo mi permette di poter dare, poi, altre informazioni.”
    E’ una frase che mi colpisce ma che ancor di più mi lascia con l’amaro in bocca.
    Non credo ci sia molto da commentare…
    Del tipo “Alla gente piace il il cheeseburger di MCDonald, glielo do, vuole quello, che importa se si nutrono di cibo spazzatura.. io sono apposto con me stesso perchè dò ciò che vogliono e in più ci guadagno :D “.
    Sinceramente spero abbia argomenti per contestare ciò che penso, ne sarei felice di cogliere aspetti che al momento non riesco a vedere e ricredermi così nella sua figura di giornalista..

    Infine, un’ultima cosa che forse più di tutte mi infastidisce..
    Si, ho visto l’intervista alla Macrì fatta ad Annozero e non vedo cosa c’entri col suo articolo o con il mio commento ad esso.
    Perchè pone la questione?!
    Io la leggo così “Vedi?! Anche Santoro intervista persone senza basarsi su fatti concreti..” Come se lei, per leggittimare la sua intervista alla Monique, cercasse di dire “Siamo tutti uguali..lo fanno tutti..”. Non penso di aver espresso in questo blog opinioni su altra stampa..per cui perchè mi viene a raccontare di Annozero?!Bho..

    Concludo dicendo di sperare di aver preso un’abbaglio con lei, dovuto magari alla forte indignazione verso qualsiasi cosa che tange “positivamente” l’imperatore nostrano..
    La risposta alle mie domande là sa solo lei e poco importa ciò che penso io,
    se si fa un mestiere per vocazione o per remunerazione..

    Claudio

  12. pasquale Scrive:

    Bravo Claudio,

    devo dedurre che gli articoli spazzatura fanno male alla salute.
    Per fortuna che esiste ancora il buon ( settimo ) senso.
    In bocca al lupo.
    Pasquale.

  13. Maria Cristina Giongo Scrive:

    Caro Claudio, caro Pasquale
    Ecco, appunto, si guadagna così poco che non si può fare questo mestiere per remunerazione.

    Mi sono basata su ” un sesto senso” perchè ovviamente non posso sapere che cosa sia realmente accaduto nel 1980….io non ero là! Io ho solo raccontato i fatti che una persona ha raccontato a me. Una persona che non so perchè dovrei credere bugiarda. Che motivo avrebbe di mentire?

    Il riferimento ad Anno Zero era perchè a volte certe persone si vede subito che raccontano bugie; storie troppo incredibili per essere vere.

    Per il resto penso che ogni giornalista che si rispetti NON deve fare copia ed incolla, deve documentarsi sempre, e il più possibile, e fare sempre interviste dal vero: alla persona di cui parla. MAI per sentito dire.
    Io ho parlato con lei e non per sentito dire.

    E NON ho motivi per NON crederle anche perchè prima ho parlato con giornalisti ( anche citati nel mio pezzo) che la conoscono.

    Insomma, ho sempre cercato di fare il mio dovere e di raccontare i fatti; poi sia il lettore a trarre le sue conclusioni. Un lettore che, se ha letto il mio pezzo, non ho assolutamente influenzato con un solo MIO commento.

    Un commento lo posso fare ora, fra di noi. Ed è questo; che se fosse successo a me quello che è capitato a Berlusconi, che sia vero o no, io mi sarei dimessa! Ma questa è una mia idea personale ed il mio modo di vivere.

    Se poi scopriranno che veramente è stato con una minorenne ovviamente dovrà pagare; come è giusto che paghi chiunque compie questo reato.
    Su questo penso che siamo tutti d’accordo.

    Con questo penso di poter concludere e chiudere l’argomento che in effetti alla fin fine non è più così interessante. Avete ascoltato un’altra storia; quando io lavoravo in una televisione privata avevo un carissimo amico che lo conosceva e si occupava della pubblicità della sua tv. Mi parlava solo bene di lui; diceva che era molto generoso con i dipendenti e le loro famiglie e che lavorava 16 ore al giorno.

    Poi sono partita per l’Olanda e non ne ho mai più sentito parlare da persone conosciute. Monique è la prima che ha di nuovo ricordato quei tempi. Ma, ripeto, non posso permettermi giudizi su chi non conosco; ma solo riportare dei fatti.
    Ciao a tutti,

    Cristina

  14. pasquale Scrive:

    Carissimo Francesco,

    credo che tu abbia molto a cuore i Paesi Bassi. Come darti torto visto quello che fai.
    Ebbene, essendo uomo di poche parole, ti informo che l’ ENIT nei Paesi Bassi ha chiuso la propria sede.I cittadini olandesi subiranno un notevole vuoto di informazioni e di riflesso il turismo verso l’ Italia.

    Altre cifre: Rappresentanze olandesi in Italia.

    Consolato Generale a Milano

    Consolato di Ancona
    Ambasciata a Roma

    Consolato di Bari
    Ambasciata a Roma

    Consolato di Bologna
    Consolato Generale a Milano

    Consolato di Cagliari (Sardegna)
    Ambasciata a Roma

    Consolato di Catania (Sicilia)
    Ambasciata a Roma

    Consolato Generale di Firenze
    Ambasciata a Roma

    Consolato Generale di Genova
    Consolato Generale a Milano

    Consolato di Livorno
    Ambasciata a Roma

    Consolato di Napoli
    Ambasciata a Roma

    Consolato di Palermo (Sicilia)
    Ambasciata a Roma

    ######################
    Gli olandesi che vivono in Italia sono circa 30.000.
    Gli italiani che vivono in Olanda sono circa 35.000 inclusi i doppi cittadini.
    I servizi sono gli stessi ma l’ efficenza è diversa.
    Abbiamo un solo Consolato Generale ad Amsterdam e una Ambasciata a
    l’ Aja

    Lotto da tre anni per far riaprire un Consolato onorario nei Paesi Bassi e ci servirebbe una persona al di sopra delle parti con una buona posizione economica e indipendente visto che i tagli alle spese ogni anno aumentano.
    Si tratta, in sostanza, di incarichi onorari, che tuttavia comportano un impegno notevole prestato per puro spirito di servizio a favore delle rispettive comunità.

    In Italia siamo messi veramente male con la disoccupazione tra i giovani che supera nel Sud il 25%.
    Se vieni in Olanda prova ad andare in un ospedale e ti sembrerà di entrare in un Hotel a 4 stelle. Poi vai all’ ospedale di Molfetta e rifletti.
    Sono stati chiusi 8 Consolati Generali nel Mondo, 18 Vice Consolati onorari hanno chiuso per mancanze di risorse. A Lilla si protesta per la chiusura di quel Consolato etc etc.
    Povera Italia, nonostante tutto sei una Italia, la mia , che meriterebbe di più.
    Con affetto.
    Pasquale

  15. Cristina Scrive:

    Interessante commento! Pasquale ha ragione e se si tratta dello stesso Pasquale che conosco io…….. ha lottato una vita per il bene di noi italiani in Olanda.

    Lo spero con tutto il cuore perchè vuol dire che si è rimesso in gioco per il bene degli italiani. Quindi ascoltate il suo messaggio e spero che qualcuno risponda attivamente e concretamente.

    Se non fossi così impegnata con i corsi d’italiano e la mia professione di giornalista lo farei io. Ma mi manca il tempo.

    Cari saluti

    Cristina

  16. Francesco GuidOlanda Scrive:

    Caro Pasquale.. grazie per aver lasciato questo commento davvero prezioso.. mi dispiace leggerne i contenuti e conosco i tuoi sforzi davvero ammirevoli.. da parte mia, nonostante delle difficoltà, sto cercando di far conoscere il più possibile la cultura olandese agli italiani e avvicinare “virtualmente” gli italiani che vivono in Olanda all’Italia..

    Un saluto anche a Cristina e al blog

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline